Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I Vigili del Fuoco dedicano la celebrazione di Santa Barbara ai disabili: «La festa sarà inclusiva»

Più informazioni su

GROSSETO – Il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco è da tempo in prima linea sui temi della sicurezza delle persone disabili, anche con l’obiettivo di contribuire a far crescere la consapevolezza della gente su questa importante questione sociale, in linea con le direttive impartite dalle Nazioni unite con la convenzione sui diritti delle persone con disabilità, ratificata dal nostro Paese con la legge 18/2009. Per affrontare con sempre maggiore efficacia e attenzione questi temi, nel 2015 è stato istituito, nell’ambito del Corpo nazionale, un “Osservatorio sui temi della sicurezza e del soccorso alle persone con esigenze speciali”, a cui prendono parte anche rappresentanti delle associazioni ed esperti sull’argomento. All’attenzione sull’argomento è stato recentemente dato rinnovato impulso con specifico decreto del capo del Corpo, il 294/2018.

L’inclusione sociale rappresenta la condizione in cui tutti gli individui vivono in uno stato di equità e di pari opportunità, indipendentemente dalla presenza di disabilità, ed è proprio per migliorare il dispositivo di soccorso tecnico urgente ed ampliare le conoscenze da utilizzare per le pianificazioni di intervento e per la formazione specifica degli operatori dei Vigili del Fuoco, che la direzione regionale Vvf Toscana (come per le altre regioni), ha istituito l’Osservatorio regionale per il soccorso alle persone con particolari fragilità ed esigenze speciali. Referente per il Comando di Grosseto è stato nominato l’assistente Sergio Rubegni.

La celebrazione della patrona del Corpo, Santa Barbara, che si terrà il 4 dicembre alla caserma di via Carnicelli, quest’anno sarà dedicata alle persone con particolari fragilità ed esigenze speciali: sarà dunque totalmente “inclusiva”. Il Comando di Grosseto ha così deciso di ospitare all’evento un nutrito gruppo di persone con particolari fragilità ed esigenze speciali, con i rispettivi accompagnatori. Sarà occasione di incontro e condivisione, di scambio e di socializzazione, momento per riflettere tutti sulla condizioni di queste persone e per promuovere il loro benessere e la loro qualità della vita. Partire da questi assunti di base, per costruire insieme all’individuo percorsi di partecipazione alla vita della comunità e del territorio, per non lasciare sola la famiglia e per non istituzionalizzare la fruizione dei servizi in un’ottica esclusivamente medica ed assistenziale.

Tutto questo è stato deciso stamani, giovedì 21 novembre, durante una riunione con tutti i partner che collaboreranno per l’evento in onore di Santa Barbara. Erano presenti: Fabrizio Boldrini – direttore Società della Salute Coeso Grosseto, Pierfrancesco Angelini – Consigliere provinciale delegato alla Consulta per le disabilità, Ettore Caterino – responsabile Rete autismo U.S.L. 9 area vasta sud-est, Enrico Baccetti – referente inclusione autonomia scolastica Usp Grosseto ufficio VII, Paola Salice – direttore Ceis Grosseto Centro italiano solidarietà, Monica Ciacci – referente centro diurno per disabili “il Girasole”, Claudia d’Angelo – assistente sociale Coeso Area non Autosufficienza, Francesca Tuccio – responsabile Punto insieme Coeso, Alessandra Tonini – consigliere asociazione onlus Ironmamme autismo Grosseto, Marino Giannini – presidente Associazione nazionale Vigili del Fuoco (pensionati).

Dopo aver calorosamente accolto gli ospiti a nome di tutti i pompieri, il comandante provinciale Giuseppe del Brocco ha aperto i lavori, nel corso dei quali si sono susseguiti gli interventi dei vari ospiti sugli argomenti principali di questo speciale tavolo. Nel contesto, sono emerse diverse criticità relative al soccorso per le persone disabili: tra queste hanno sottolineato la necessità di approntare ed effettuare un’adeguata formazione ed informazione per gli addetti ai lavori. A tale proposito tutti i convenuti hanno dato la propria disponibilità a collaborare con l’Osservatorio Vf permanentemente, anche attraverso l’approntamento di un prossimo convegno sul tema e l’organizzazione di una esercitazione di “evacuazione” per persone con particolari fragilità e speciali necessità in caso di alluvione, esondazione o altri eventi emergenziali. Per informazioni contattare il referente Sergio Rubegni al numero telefonico 0564 444400.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.