Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltempo: per la Maremma giorni difficili. Ecco tutto quello che è successo fotogallery

GROSSETO – Giorni difficili per la Maremma. Novembre, si sa, è un mese complicato, soprattutto per le piogge e nel corso degli anni gli eventi più significativi, da un punto di vista delle precipitazioni, sono sempre accaduti nel mese di novembre, a partire dalla grande alluvione del 1966. Era il 4 novembre. Più di recente invece si ricorda l’evento del 12 novembre 2012 quando ad esondare non fu l’Ombrone, ma l’Albegna. Giorni tragici quelli, nei quali l’alluvione si portò via cinque vite.

E anche quest’anno la provincia di Grosseto ha dovuto pagare il suo tributo in termini di danni provocati dall’ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Maremma a partire dalla notte del 15 novembre. Sono bastati due giorni di pioggia intensa a mettere a rischio una gran parte del territorio che da Grosseto si estende verso sud e verso l’interno.

L’Ombrone: il fiume che fa ancora paura – Il fiume che lambisce la città capoluogo si è ingrossato e ha minacciato Grosseto. L’ondata di piena ha fatto scattare una fase di emergenza in tutta quella parte della città che si trova nella fascia rossa, cioè a meno di 400 metri dall’argine del fiume. Circa 2000 persona che hanno dovuto lasciare le loro abitazioni così come indicato nell’ordinanza, firmata dal sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna. E così l’Ombrone ha tenuto con il fiato sospeso migliaia di grossetani per tutta la domenica. L’allarme è stato lanciato intorno alle 10,30 della mattina del 17 novembre ed è cessato soltanto il giorno dopo, la mattina di lunedì 18 novembre. Gli allagamenti provocati dall’Ombrone hanno interessato solo, si fa per dire, la parte della golena sia nella zona di Isti d’Ombrone che nella zona di Grancia.

L’Albegna: gli argini hanno retto – Situazione critica anche più a sud di Grosseto, tra i Comuni di Orbetello e Manciano dove a preoccupare di più è stato il livello dell’Albegna. Gli argini, anche grazie alle opere realizzate dopo l’alluvione del 2012, hanno retto. In questo fazzoletto di territorio tra i due Comuni, nella zona di Polverosa, a fare i veri danni è stata una tromba d’aria che si è abbattuta su tutto quello che ha trovato devastando case e vegetazione. Tetti divelti e piante abbattute, ma per fortuna nessun danno a persone.

Saturnia: un fiume di fango – Situazione critica anche nel Comune di Manciano a cominciare dalla zona di Saturnia. Le immagini delle cascate del Gorello invase dal fango hanno fatto il giro d’Italia. Qui, a Manciano, il maltempo ha provato tanti danni, anche alla viabilità. Molte strade secondarie sono state chiuse per ore e per qualche giorno. Il sindaco ha chiesto lo stato di calamità.

Isola del Giglio – Maltempo anche in mare e sulla costa. A Giglio una potente mareggiata, che noi abbiamo documentato con alcune foto, ha imperversato per la giornata di sabato.

Feniglia: la strage dei pini – Una violenta tromba d’aria nella notte tra il 16 e il 17 novembre ha abbattuto circa mille pini nella riserva naturale della Duna della Feniglia. Una strage. Una vera bomba ambientale che provocato una ferita gigantesca all’interno di una delle più belle pinete della Maremma e d’Italia.

Qui trovate tutti gli articoli che raccontano queste giornate di maltempo e di paura.

• Maltempo: alberi sulle strade per i temporali e vento nella notte

• Esonda un fiume: strade chiuse per il maltempo. Allagate le cascate di Saturnia fotogallery video

• Maltempo, a Capalbio danni agli stabilimenti balneari. A Orbetello si teme l’Albegna fotogallery

• Alluvione in Maremma: allagamenti ed esondazioni. Le immagini. IL VIDEO video

• Maltempo in Maremma, il sindaco: «Chiederemo lo stato di calamità» fotogallery

• Sopralluogo alle cascate del Gorello. Pallini: «Non hanno subito danni»

• Le Terme di Saturnia sono aperte: «Nessun danno dal maltempo»

• Maltempo: «Siamo isolati. Non possiamo né uscire né entrare». Porcellini morti e animali fuggiti fotogallery

• Maltempo: strade chiuse per allerta meteo. Ecco quali

• Maltempo: notte difficile, nubifragio in città. Chiuse alcune strade fotogallery

• Maltempo: venti persone evacuate, ci sono anche bambini. Crolla il tetto sopra una persona fotogallery

Maltempo: Ombrone in golena. aperte le sale operative. In Maremma la situazione più critica.

• Sottopasso allagato: l’auto rimane bloccata. Strada chiusa fotogallery

• La Maremma allagata: le impressionanti immagini dall’alto. TUTTE LE FOTO fotogallery

• Famiglia isolata, i Vigili la raggiungono con l’hovercraft. Decine di interventi fotogallery video

• Famiglia isolata, i Vigili la raggiungono con l’hovercraft. Decine di interventi video

• Mareggiata al Giglio: ecco come il mare si abbatte sull’isola. TUTTE LE FOTO fotogallery

• In piedi sul container nel mezzo dell’Ombrone: due uomini salvati. Un terzo era aggrappato ad una pianta fotogallery video

• Tromba d’aria devasta le case: chiesto lo stato di calamità. Danni anche in Laguna fotogallery

• Maltempo e allerta meteo: scuole chiuse anche domani. Ecco dove

• ULTIM’ORA – Allerta rossa: domani chiuse scuole e parchi. Da oggi chiusi i centri commerciali fotogallery

• Ombrone a rischio: evacuare la zona rossa. Ecco come comportarsi fotogallery

• Rossi: «Evento peggiore che nel ’92, ma il sistema di Protezione civile ha funzionato»

• Crolla il ponte della strada di campagna. Tra il fango trovato un cellulare fotogallery video

• Frane su tutto il territorio, il sindaco: «Operai al lavoro sulle strade. Scuole chiuse» fotogallery

• Ombrone sotto controllo ma resta l’allerta rossa sino a lunedì sera fotogallery

• Ombrone: rimane l’allerta rossa. Oggi scuole chiuse. Divieti anche per parchi e cimiteri fotogallery segui la diretta

• Maltempo: in volo sulla pianura allagata dall’Ombrone. IL VIDEO video

• Maltempo: tromba d’aria alla riserva Duna Feniglia, sradicati mille pini fotogallery

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.