Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Anche Monterotondo Marittimo diventa comune plastic free

MONTEROTONDO MARITTIMO – Dal 19 ottobre entra in vigore l’ordinanza del Comune di Monterotondo Marittimo, con la quale l’amministrazione comunale dà il via ad una serie di provvedimenti finalizzati alla progressiva riduzione della plastica sul territorio comunale.

L’ordinanza, in particolare, vieta agli esercenti delle attività commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande, la distribuzione ai clienti di sacchetti per la spesa monouso in materia non biodegradabile.
Inoltre, per utilizzo e asporto, gli esercenti potranno distribuire esclusivamente prodotti in materiale biodegradabile e compostabile (bicchieri, piatti, cannucce, posate, ma anche pacchetti e involucri contenenti i prodotti dovranno essere in materiale biodegradabile).

In occasione di feste pubbliche, sagre, concerti e mercatini i commercianti privati, le associazioni e gli Enti potranno fornire al pubblico esclusivamente piatti, bicchieri, cannucce, posate ma anche sacchetti e palloncini in materiale biodegradabile e compostabile. L’ordinanza comunale prevede anche, nelle aree soggette ad una maggiore tutela naturalistica quali parchi naturali, siti archeologici, aree verdi e parchi pubblici ricadenti nel territorio comunale, il divieto assoluto dei sacchetti in plastica monouso e degli altri articoli di plastica monouso non biodegradabile.

“Il Comune di Monterotondo Marittimo – spiega il sindaco Giacomo Termine – già da tempo è impegnato in un continuo processo di sensibilizzazione della cittadinanza per favorire comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. E gli abitanti del nostro territorio si dimostrano attenti e responsabili. Questa nuova ordinanza plastic free è un passaggio fondamentale per andare verso la progressiva riduzione della plastica. A fronte del costante aumento dei rifiuti di plastica negli oceani e nei mari e ai danni che ne conseguono, il Parlamento europeo ha approvato il 27 marzo 2019 la proposta di direttiva sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti sull’ambiente oltre il divieto al consumo nell’UE di alcuni prodotti in plastica monouso. Noi faremo la nostra parte”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.