Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Anche Conti lascia il Pd: «Scelgo la via riformista di Italia Viva»

Più informazioni su

GROSSETO – Un altro segretario di circolo del Pd passa a Italia Viva. Dopo Giancarlo Tesei anche Giuseppe Conti sposa il progetto di Matteo Renzi. “Durante il direttivo che si è tenuto martedì 8 ottobre nella sede del Pd di via Emilia – afferma – ho ufficialmente formalizzato le mie dimissioni da segretario del circolo di Gorarella. A malincuore e con non poche difficoltà, ho deciso di uscire dal Partito Democratico ed aderire alla nuova area politica Italia Viva”.

“Il mio percorso politico – ricorda Conti – nasce sotto l’ala del Pd all’insegna di una stagione riformista di cui ne rivendico orgogliosamente l’appartenenza, nonostante le tante difficoltà incontrate sia come segretario di circolo che consigliere comunale. Da sempre ho interpretato la mia attività politica in chiave moderna e progressista. Un’attività proiettata verso il futuro, attraverso idee e progettualità concrete che non hanno purtroppo trovato spazi adeguati all’interno di un partito ancora dilaniato dalle continue lotte correntizie interne”.

“Ed è proprio per continuare quel progetto riformista di cui Renzi è stato l’indubbio protagonista di questi anni, che ho preso questa decisione – afferma Conti – Scelgo di guardare al futuro in maniera innovativa e senza legacci che ne impediscono la visione e il raggiungimento degli obbiettivi. Scelgo un nuovo modo di fare politica, una politica concreta, giovane e priva di ideologie precostituite legate al passato. Scelgo il gioco di squadra, la chiarezza dei programmi, il partito delle proposte e delle idee dove il capitale umano è ancora un valore aggiunto e non una semplice presenza. Scelgo di tornare a fare politica con il sorriso e la serenità di chi è chiamato ad interpretare le reali esigenze dei cittadini e, insieme a loro, trovare le soluzioni adeguate ai tanti problemi che affliggono la nostra città”.

“Scelgo una forza politica – insiste – che parta realmente dal basso, lo dimostrano i tanti comitati di azione civile nati in queste settimane sul territorio e già attivi su importanti tematiche locali. Scelgo di mettermi in gioco in maniera attiva, perché il futuro di Grosseto è dietro l’angolo e troppo vicino per perdersi dietro ad un presente che non vuole cambiare e adeguarsi. Scelgo di non ripetere gli errori che arrivano dal passato, perché Grosseto merita di tornare ad essere Viva. Agli amici che fino ad oggi hanno condiviso con me questo percorso ma che hanno deciso di restare nel Pd, va tutta la mia stima ed affetto con la consapevolezza che il rapporto umano e personale rimarrà comunque inalterato, per quello politico staremo a vedere, mai dire mai”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.