Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giardinieri: ecco il nuovo corso di formazione obbligatorio. Come funziona

Più informazioni su

GROSSETO – Confartigianato Grosseto ricorda che tutti coloro che si occupano della manutenzione del verde pubblico e privato devono essere in possesso di un “patentino” conseguito grazie ad un corso di formazione. Secondo l’articolo 12 della legge 154/2016, sono stati infatti individuati i requisiti formativi per esercitare e regolare questa attività. Più precisamente per manutentore si intende chi si occupa dell’allestimento, della gestione o della manutenzione delle aree verdi come parchi, giardini pubblici o privati.

“La norma – spiega il segretario generale di Confartigianato Imprese Grosseto – tende a garantire a chi ha scelto questo mestiere una preparazione tecnica e teorica che non può essere appresa solo sul campo. Anche per fare il giardinieri è necessario avere competenza e una formazione riconosciuta legalmente e questo per arrivare al riconoscimento di una figura professionale. Si tratta di un corso specifico e specializzante per operatori che saranno poi in grado di costruire, mantenere e curare aree verdi. Chi intende svolgere tale lavoro, anche se non in modo prevalente – continua il segretario generale – dovrà dunque dimostrare di possedere i requisiti professionali specifici elencati al punto 7 dell’accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2018″.

Tutte le imprese che esercitavano l’attività nei due anni antecedenti l’entrata in vigore della norma avranno l’obbligo di comunicare alla Camera di Commercio i nominativi dei responsabili tecnici dell’impresa. In mancanza di tali requisiti il titolare d’impresa e tutti coloro che vorranno diventare manutentore del verde dovranno frequentare il corso di formazione.

Il corso ha durata di 180 ore di cui 60 sono di pratica utili per apprendere le tecniche operative.

La frequenza è obbligatoria per il 80% delle ore previste; per ottenere l’attestazione è necessario superare l’esame finale che consiste in due prove: un questionario a risposta multipla composto da 20 domande e una prova tecnico – pratica relativa alle competenze tecnico-professionali richieste.

“Ancora una volta l’Associazione degli artigiani di Grosseto dimostra la sua vicinanza al territorio e ha dato mandato alla sua agenzia formativa Formimpresa di organizzarlo: si terrà dal mese di ottobre – aggiunge Mauro Ciani – e si svolgerà nella sede di Confartigianato Imprese Grosseto in via Monte Rosa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.