Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scuola: assegnate 669 cattedre su 781. «Vittoria di sindacati e lavoratori»

Completati gli organici di alcuni istituti, restano da assegnare 25 posti per la scuola dell’infanzia e la primaria, 46 per le superiori e 42 per le scuole medie. “Una vittoria di sindacati e lavoratori”, commenta Virginia Bevilotti della Cisl Scuola

Più informazioni su

GROSSETO – Si sono concluse oggi, venerdì 20 settembre, le nomine a tempo determinato dei docenti. Da lunedì scorso, infatti, erano iniziate le assegnazioni a seguito della chiamata unica per gli insegnanti, mentre domani saranno nominati gli assistenti tecnici, il personale amministrativo e i collaboratori scolastici.

Sono 669 le cattedre assegnate sulle 781 vacanti: “Un bel successo – commenta Virginia Bevilotti, della Cisl Scuola di Grosseto – soprattutto se paragonato a quanto avvenuto negli anni scolastici precedenti, in cui di solito si arrivava all’assegnazione delle cattedre nel mese di novembre. Quest’anno, invece, a pochi giorni dall’inizio dell’attività scolastica alcuni istituti hanno già un organico completo, fondamentale per il coretto svolgimento delle attività”.  “Un segnale positivo arriva anche dalla grande trasparenza con cui i singoli candidati hanno avuto a disposizione le diverse cattedre per effettuare la propria scelta”.

La procedura di assegnazione è stata, secondo la Cisl scuola, ben gestita: “Senza gli affollamenti a cui eravamo, purtroppo, abituati, in occasione di altre nomine”, aggiunge Bevilotti.

Nel dettaglio sono state assegnate 182 cattedre su 207 per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria; 302 su 348 per la scuola secondaria di secondo grado (istituti superiori) e 185 su 226 per la secondaria di primo grado (scuole medie).

Restano da assegnare, quindi, 25 posti tra scuola dell’infanzia e primaria, 46 per la secondaria di secondo grado e 42 per la secondaria di primo grado. “Una vittoria dei sindacati e dei lavoratori – conclude Virginia Bevilotti – che ci ha permesso di assegnare anche i posti per i docenti di sostegno, viste le tante richieste, nell’interesse degli studenti e delle famiglie. Solo pochissime cattedre per il sostegno sono ancora da assegnare”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.