Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Grosseto, dietro al successo anche l’identità e il legame con i tifosi

Più informazioni su

GROSSETO – C’è un aspetto che mi preme sottolineare della vittoriosa trasferta di ieri. Il Grifone ha giocato una partita non facile contro il Tuttocuoio, sbloccata quasi a fine primo tempo e soprattutto mantenuta a denti stretti nell’ultima parte della ripresa. E’ bello pensare, e a dirlo non credo si faccia peccato, che parte di questa vittoria sia merito anche del continuo incitamento dei tifosi biancorossi. Circa settanta al seguito della squadra che con grande passione ed euforia hanno accolto i giocatori in campo e hanno incitato fino alla fine, fino all’abbraccio finale. Un fattore che è stato determinante anche nella prima casalinga contro il Foligno, dove pur giocando meglio il Grosseto ha rischiato il pareggio degli ospiti. Anche in quel caso i mille tifosi presenti hanno aiutato i giocatori a non risparmiarsi e portare a casa il risultato. Ancora una volta, come hanno ripetuto i giocatori, “insieme siamo più forti”.

(Foto di Noemy Lettieri Us Grosseto 1912)

Ma in una città di oltre 80mila persone averne mille in casa e circa un centinaio in trasferta è poco, potrebbe dire qualcuno. Ma per la serie D sono anche troppi, si potrebbe però pensare. Alla fine il tanto o poco è relativo, così come la passione e l’attaccamento a una maglia e a una società ripartita senza paura dal settore giovanile e dal territorio. Da uno staff quasi interamente grossetano e da una squadra composta da tanti, tantissimi giocatori di Grosseto. Un aspetto determinante, come dicevamo all’inizio, soprattutto per chi ancora crede a quel legame di passione e amore che c’è tra il calcio e la propria città. Un legame che s’infiamma quando allo Zecchini si assiste all’esordio di giocatori come Sersanti, Villani, Rosi e Castellazzi, tanto per citarne qualcuno. Maremmani di nascita e grossetani di fede. O quando nella tensione della trasferta si sente un boato e il braccio alzato, sotto il ciuffo biondo, è quello di Pippo Boccardi: uno come tanti, nato a Grosseto, che con la maglia biancorossa va anche a dormire. Dettagli, per qualcuno. Punto di partenza per altri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.