Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cento subacquei per ripulire i fondali di Giannutri: oltre mille chili di rifiuti recuperati

GIANNUTRI – Continua l’impegno dell’Ente Parco nazionale Arcipelago Toscano contro l’abbandono di rifiuti in mare. A Giannutri (Isola del Giglio) si è svolta una pulizia di fondali per sensibilizzare la cittadinanza sulle buone pratiche per ridurre il consumo di plastica e prevenire l’abbandono di rifiuti. L’attività è prevista e finanziata con il progetto Girepam, del quale il Parco è soggetto partner con capofila la Regione Sardegna.

pulizia fondali giannutri

Circa 100 subacquei, accompagnati e coordinati da alcuni centri sub del Giglio e dell’Argentario, hanno lavorato a Cala Volo di Notte, un’area già conosciuta per la presenza di molti rifiuti sommersi. Presenti con il vicepresidente del Parco Stefano Feri, la dottoressa Giannini, biologa dell’Ente Parco, e gli uomini della Capitaneria di Porto, della Guardia di Finanza e del Reparto Carabinieri Parco, per consentire lo svolgimento in sicurezza delle operazioni.

Appena discesi sul fondo, la situazione è sembrata piuttosto impegnativa: decine e decine di bottiglie di vetro, sprofondate sul sedimento a circa 25 metri di profondità; più vicino a riva molta plastica, cordame ed altri oggetti che non si immaginerebbe poter ritrovare, come bombole, copertoni, tubi metallici.

Con pazienza gli operatori hanno posizionato i materiali in piccoli sacchi e in cassette collocate sul fondo dalle barche di appoggio e gli equipaggi, dopo aver selezionato i rifiuti per tipologia, li hanno racchiusi in grandi big bags. I materiali, trasferiti all’Isola del Giglio per un totale di circa 600-700 kg di vetro, 200-300 kg di plastica, oltre a vari materiali metallici, sono stati presi in carico da una ditta specializzata per lo smaltimento.

A Giannutri è stato fatto un piccolo passo, con l’impegno di tante persone, e molto sarà da fare. Occorre sempre tener presente che la plastica nel Mediterraneo è la fonte principale di inquinamento e di impatto sugli habitat e sul biota. E’ importante stimolare l’attività virtuosa delle amministrazioni locali nel ridurre gli imballaggi in plastica e in durre comportamenti individuali corretti che compongono un tassello nel ciclo di consumo, utilizzo e riutilizzo di questi materiali.

pulizia fondali giannutri

*Girepam (Gestione integrata delle reti ecologiche attraverso i Parchi e le Aree Marine) è un progetto strategico avviato a Gennaio 2017 e di durata triennale, il cui bilancio ammonta a oltre 5,6 milioni 85% finanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale.

Girepam è un progetto strategico che unisce 16 partner di 5 Regioni: Sardegna (capofila), Corsica, PACA, Liguria, Toscana: una rete di Amministrazioni regionali, Parchi e Aree Marine Protette, soggetti deputati alla gestione del territorio, che intendono attuare azioni congiunte indirizzate ad aree protette. Alcuni partner operano inoltre nell’ambito di Accordi già in essere. Girepam contribuirà quindi allo scambio di buone pratiche gestionali e alla condivisione dei risultati ottenuti.

Il contesto in cui opera Girepam: coste e mare costituiscono aree in cui avvengono spostamenti di fauna e scambi genetici tra specie, ma anche diffusione di effetti negativi delle attività dell’uomo (utilizzo eccessivo delle risorse, conflitti sociali, frequentazione, inquinamento etc.). Il progetto intende affrontare e risolvere problematiche comuni a carico di habitat e specie marino costiere del bacino del Mediterraneo.

L’approccio transfrontaliero: laddove i problemi non siano affrontati in maniera comune, si possono ripresentare, rendendo inefficaci le azioni intraprese singolarmente dai vari soggetti responsabili della gestione/sviluppo dello spazio marino-costiero.

“La sfida comune è attuare una comune strategia di gestione integrata transfrontaliera – spiegano dal Parco nazionale Arcipelago Toscano -, progettata e implementata dalle Regioni in rete con Parchi e Aree protette, per sviluppare soluzioni comuni ai più importanti problemi di gestione della zona di cooperazione: eccessivo sfruttamento delle risorse, inquinamento, frequenza, conflitti sociali etc. L’obiettivo è quindi quello di migliorare la governance e la gestione delle zone marittimo costiere da parte degli attori responsabili della protezione del patrimonio naturale, nell’ambito di un approccio globale che vada oltre una visione territoriale limitata e che tenga conto delle prospettive europee per lo sviluppo dell’economia blu-verde”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.