Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Festambiente: sul palco la musica reggae di Alpha Blondy per l’unica data in Italia

GROSSETO – Tra i protagonisti dell’edizione 2019 di Festambiente, il festival nazionale di Legambiente che ogni anno si svolge nella storica location del Centro nazionale per lo sviluppo sostenibile di Legambiente a Rispescia (Grosseto), il 18 agosto ci sarà anche Alpha Blondy, una delle colonne portanti della musica reggae internazionale.

“Quello di Alpha Blondy – dicono da Festambiente – è un messaggio di speranza universale che nell’edizione di Festambiente interamente dedicata alla lotta ai cambiamenti climatici avrà il compito di fare da amplificatore al grido disperato di milioni di profughi ambientali che scappano da desertificazione, mancanza di acqua e povertà. Alpha Blondy parla ai potenti del mondo e lo fa cercando di creare nel pubblico una coscienza collettiva basata su valori come la pace e la solidarietà universale”.

“Da Jerusalem a Cocody Rock – continuano – ed ancora Peace in Liberia, Politiqui e il tributo ai Pink Floyd con la versione rivisitata di Wish you were here: è questo solo un piccolo estratto di una carriera costellata di successi che animeranno il palco interamente dedicato al clima di Festambiente e che riusciranno nell’intento di far tornare a casa gli spettatori con la consapevolezza che cambiare il mondo è davvero possibile”.

“È un onore per noi – ha dichiarato Angelo Gentili, coordinatore del festival – ospitare a Festambiente 2019 Alpha Blondy per la sua unica data italiana. Grande artista reggae di fama internazionale, Alpha Blondy, da sempre impegnato nelle tematiche ambientali e sociali, chiuderà il nostro festival con una serata unica, carica di emozioni e di ottima musica”.

Nella stessa serata, pre e after show da non perdere: i Soul Rockers Sound System regaleranno agli amanti della musica il loro sound più che originale tra ska, rocksteady, early reggae, roots dub, fino ad arrivare alla 80’s con un vinyl-set da non perdere. Special guest d’eccezione Paolo Parpaglione, membro e fondatore dei Bluebeaters, colonna portante degli Africa Unite e precedentemente dei Loschi Dezi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.