Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A luglio si chiude il processo sull’Inceneritore «Respinte richieste di rinvio della società»

Più informazioni su

SCARLINO – «Il giudice ha ritenuto la causa matura per la decisione» lo afferma l’avocato Roberto Fazzi, che assiste 90 cittadini nella class action contro l’inceneritore di Scarlino. L’udienza per le conclusioni è stata infatti fissata per il 23 luglio prossimo «accogliendo le nostre istanze e disattendendo quelle di Scarlino Energia».

Il giudice ha chiuso l’istruttoria della causa «il 15 febbraio scorso senza necessità di ulteriori approfondimenti sulla perizia e che si conclude con il giudizio di insostenibilità ambientale e sanitaria dell’inceneritore per la Piana di Scarlino».

Scarlino Energia aveva criticato tutti e dieci i punti conclusivi della perizia, ed aveva chiesto ulteriori chiarimenti. «Ma il giudice ha ritenuto che non fosse necessaria alcuna ulteriore perizia. Si avvia dunque a conclusione un contenzioso civile che si protrae ormai da sei anni (luglio 2013) e che ha visto le parti impegnate in numerosi tavoli tecnici, dovuti alla necessità di approfondite problematiche tecniche complesse e mai affrontate prima».

«I risultati di questo grande lavoro – prosegue l’avvocato Fazzi – sono stati presentati a coloro che erano chiamati a prendere decisioni importanti in materia di gestione del ciclo dei rifiuti e al Consiglio regionale».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.