Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I progetti delle scuole maremmane: in classe per imparare a leggere, scrivere e cantare

Più informazioni su

GROSSETO – «L’anno scolastico sta volgendo al termine e gli alunni dell’Istituto comprensivo Grosseto 4 possono dire di frequentare una scuola dove si impara a leggere, scrivere, a far di conto e a “Far di canto” – scrivono dall’Istituto -. Molte sono state, infatti, le esperienze vissute dai discenti della scuola primaria, in ambito musicale, grazie al maestro Solari, che opera da anni nelle classi terze, quarte e quinte della scuola. Egli dirige e accompagna al pianoforte i cori, che cantano e suonano con il flauto dolce brani di vario genere, la maggior parte dei quali sono composti dallo stesso maestro».

«Negli scorsi anni – continuano dall’Istituto -, i bambini hanno partecipato persino alla realizzazione di un cd, contenente 11 brani, intitolato “Fatti non foste… per ascoltare e basta!”, seguito da un concerto alla Cava di Roselle, con lo stesso titolo. Sempre alla Cava, l’anno scorso si è tenuto un altro concerto denominato “Sotto le stelle di giugno”. Nel corso di questo anno scolastico, nel periodo natalizio , il coro dei “Gionaudi”, formato dagli alunni delle classi quinte , è stato invitato, il 17 dicembre, a inaugurare “Il teatrino di Natale”, esibendosi in un concerto in piazza Dante. Il 5 aprile, lo stesso coro, ha cantato e suonato al Teatro dei Rozzi di Siena, nell’ambito del “Festival dell’italiano e delle lingue d’Italia”. Tra i brani proposti ci sono stati “Tornando dal gerundio” e “Destinazione lettura centro”, composti dal maestro Solari e strettamente legati alla lingua italiana e all’importanza del leggere. Infine, il 10 maggio, i “Gionaudi” hanno partecipato al concorso nazionale “Zangarelli” a Città di Castello, vivendo un’altra esperienza entusiasmante. Concorso, quello di Città di Castello, al quale, per il secondo anno consecutivo, l’”Orchestra e Coro Dante”, l’ensemble vocale e strumentale della scuola media “Dante Alighieri”, guidata dai professori Anna Benocci e Fabrizio Basciano, si è aggiudicata un significativo primo premio di categoria. Avendo già trionfato lo scorso anno all’VIII edizione del Concorso nazionale di musica “San Vigilio in…Canto” di Roma, con un repertorio comprendente brani tratti da musical, etnici e di tradizione popular americana cantati a due e tre voci, è toccata quest’anno alla XXI edizione del Concorso musicale Zangarelli di Città di Castello premiare l’ensemble di una scuola media che, nonostante non sia a indirizzo musicale, ha saputo dimostrare di poter ambire a risultati degni degli istituti a indirizzo musicale».

«Una nuova sfida presuppone un più alto livello di impegno, ed è così che l’Orchestra e Coro “Dante” ha voluto quest’anno concorrere con brani di ancora più difficile esecuzione: all’interno della “Queen Rhapsody”, medley di brani dei Queen appositamente arrangiati dai Prof. Basciano e Benocci per l’ensemble della scuola media “Dante Alighieri”, era presente anche Bhoemian Rhapsody, brano notoriamente cantato a quattro voci e con una notevole difficoltà di esecuzione. Tornando ora alla scuola primaria, il coro “Maestrale”, formato dagli alunni delle classi terze, il 30 aprile si è esibito nell’ambito del concorso internazionale “Città di Scandicci, mentre “El Coro Claro”, composto dai bambini delle classi quarte, il 15 maggio ha preso parte ad una rassegna corale, organizzata dal RE.MU.TO., presso l’auditorium a Scandicci. Questa attività ha avuto, ed ha, la caratteristica di essere inclusiva e stimolante per tutti i bambini, nessuno escluso; infatti ha permesso a ciascun alunno di vivere esperienze che il linguaggio universale della musica consente. Anche coloro che presentano difficoltà di apprendimento, comportamentali o disturbi legati allo spettro autistico, sono stati coinvolti attivamente e motivati alla partecipazione. Il principale compito della scuola – concludono dall’Istituto – è includere e far sentire tutti parte di una comunità, che aiuti a progredire e a superare le difficoltà. Possiamo dire di aver contribuito a tutto ciò grazie alla musica».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.