Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Taglio degli alberi in Val di Farmia, Gentili: «Uno scempio ambientale autorizzato»

Più informazioni su

GROSSETO – Legambiente interviene in merito al taglio di 30 ettari di bosco in Val di Farma: “Uno scempio ambientale nei confronti del quale è assolutamente prioritario prendere una posizione netta – dichiara Angelo Gentili della segreteria nazionale di Legambiente -. Il taglio effettuato nella Val di Farma, pur essendo stato, a quanto ci risulta, regolarmente autorizzato, rappresenta senza dubbio uno scempio ambientale operato in una zona di altissimo valore, ricchissima di flora e fauna selvatica rara e di enorme valore naturalistico. Per comprendere la portata della gravità della questione, basti pensare al tasso, al bosso, alle orchidee spontanee, alla martora, al biancone, al gatto selvatico ed alla nidificazione di numerose specie di uccelli che proprio in quell’area hanno trovato il proprio habitat naturale. Tutto questa meraviglia di biodiversità con un taglio indiscriminato come quello effettuato viene letteralmente messo a repentaglio senza possibilità di appello e questo non può essere possibile né tanto meno ipotizzabile. Tra l’altro, è opportuno ricordare che si tratta di una zona Sic che dovrebbe essere protetta da ogni tipo di attività negativa ed impattante”.

“Inoltre, è importante ricordare che i mezzi meccanici utilizzati – ha continuato Gentili – sono molto pesanti e particolarmente invasivi nei confronti del sottobosco e hanno creato una situazione a rischio anche rispetto al dissesto idrogeologico ed al rischio conseguente di frane e smottamenti. Ciò per dire che è necessaria una grandissima attenzione quando si decide di effettuare simili interventi in riserve di enorme valore. Il nostro territorio, oltre ad essere a forte rischio dal punto di vista idrogeologico, è da tutelare in ogni suo aspetto. Per la Maremma, la Val di Farma rappresenta una perla rara e preziosa che non può e non deve essere rasa al suolo e trasformata in cippato per impianti a biomasse come se nulla fosse”.

“Per questa ragione – ha concluso Gentili – Legambiente chiede con forza alle autorità competenti di effettuare le opportune verifiche e di dare seguito a controlli specifici sia per il caso in questione che per altre future situazioni simili. Evitare disastri di questo genere e proteggere la biodiversità è fondamentale e per fare ciò è necessario l’aiuto di tutti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.