Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Maremma accoglie 250 imbarcazioni per la selezione nazionale della classe Optimist

Più informazioni su

FOLLONICA – Da mercoledì 15 maggio fino a domenica 19 maggio sono attese nella cittadina del golfo oltre 250 presenze per l’importante selezione nazionale della classe Optimist. Ben 140 saranno i piccoli atleti tra i 9 e 1 14 anni che si daranno battaglia nelle acque del golfo prospicienti la sede del Gruppo Vela Lni Follonica.

Il Gruppo Vela, in collaborazione con Club Nautico Follonica e Club Nautico Scarlino, stanno ultimando l’organizzazione della manifestazione che prevede un notevole spiegamento di mezzi di assistenza e una particolare gestione della logistica a terra. Grazie anche alla collaborazione della associazione Protemare (il circolo che gestisce gli ormeggi nel fosso Cervia) sarà possibile dare ricovero a molti dei mezzi di assistenza e degli accompagnatori (allenatori) dei piccoli atleti.

L’Optimist, comunemente detta anche guscio di noce, è una piccolissima imbarcazione lunga 2,20 metri, larga 1,13, e del peso di 35 chili, nata proprio per iniziare i bambini allo sport velico. Proprio per le sue peculiarità è a tutt’oggi la più diffusa nel mondo sia come barca scuola, che come deriva competitiva. Su di essa hanno acquisito i primi rudimenti tutti i più grandi velisti del mondo come Paul Cayard, Mauro Pelaschier, Alberto Fantini, Dodo Gorla, Vasco Vascotto e moltissimi altri, senza dimenticare le follonichesi Gaia Lusini e Claudia Tosi che proprio su questa piccola deriva vinsero entrambe, anni orsono, il titoli mondiali e italiani proprio con i colori del Gruppo Vela.

“Le dodici prove previste a programma nei quattro giorni” ci spiega Bruno Tamburini consigliere delegato alla vela della Lni Follonica, “dato il consistente numero di imbarcazioni, si svolgeranno a batterie sullo stesso campo di regata e con rotazione assegnata dopo ogni singola prova. Ma al di la dei tecnicismi organizzativi, sarà bellissimo vedere il mare ricoperto di piccole vele come se fosse un prato di margherite e al di là di questo, organizzare manifestazioni come questa è sempre di grande soddisfazione soprattutto perché rivolte ai giovanissimi e perché comunque valorizzano il nostro mare, la risorsa più importante e invidiata da molti, che abbiamo nella nostra cittadina, sia per la sua praticabilità, sia per il microclima, fattori che da sempre favoriscono lo sport velico, anche e soprattutto al di fuori della stagione turistica”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.