Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Brogi: «Meno tasse? Prima bisogna guardare i conti del comune».

ROCCASTRADA – “Ci fa piacere che il sindaco-candidato Limatola prometta una riduzione sostanziosa delle tasse, lo farò anche io, ma subito dopo che avrò preso, da sindaco, visione dei conti e della reale tenuta del bilancio comunale”. Così il candidato sindaco della lista “Un Futuro per Tutti” Ulderico Brogi commenta le intenzioni del sindaco di voler abbassare le tasse nei prossimi cinque anni. “Il tema delle tasse emerge sempre durante le elezioni – sostiene Brogi- salvo poi arrivare alla tornata successiva che il bilancio è praticamente simile e la percezione dei cittadini è sempre la stessa, cioè che sono troppe ed elevate. Io non voglio vendere fumo, né fare promesse che non posso mantenere. Dico solo che voglio leggere il bilancio, guardare i conti e vedere se, come dice Limatola, c’è stato un risanamento, oppure se mi troverò di fronte, come sostiene qualcuno, ad una tenuta degli stessi che non è così solida. Da avvocato so bene che questi temi sono delicati e di difficile percezione se non si hanno tutte le carte in mano. Ai cittadini – sostiene Brogi- posso assicurare che se la mia amministrazione potrà, di sicuro interverrà ed in maniera importante proprio sulla riduzione di tasse e tariffe, partendo subito, e lì sì che possiamo agire, dal rivedere i contratti di servizio con le varie società partecipate, a cominciare da Sei Toscana”.

Brogi fa anche un’ulteriore precisazione. “Mi fa piacere che Limatola si accorga che, evidentemente, la sua politica nelle frazioni ha fallito – spiega- visto lo stato in cui si trovano i nostri paesi, tanto da dover ipotizzare, dopo ben cinque anni, la necessità di istituire la figura del ‘cantoniere di frazione’. Io invece credo che questa sia ordinaria amministrazione e, proprio perché ordinaria, non servano nuove figure, ma un ufficio manutenzioni rafforzato e funzionale. Per me l’ordinario è ordinario e, dunque, deve essere la regola. Il decoro e le manutenzioni, per noi, lo è a differenza della passata amministrazione che lascia una situazione di strade, borghi e cimiteri, a dir poco disastrosa, e direi anche imbarazzante, che è sotto gli occhi di tutti. E’ sullo straordinario che si deve investire e ragionare, ma soprattutto decidere come trovare le risorse. Quello lo faremo anche attraverso le leve dei contributi comunitari e statali”. Proprio sugli interventi straordinari Brogi ci tiene a fare una precisazione.

“Riconosco a Limatola – afferma Brogi- di aver saputo risolvere una situazione difficile come quella della scuola di Ribolla, una problematica affrontata da un avversario politico nella maniera più sbagliata con esposti alla magistratura poi caduti nel vuoto. Mi sarebbe però piaciuto che lui, anziché dare i meriti alla Regione che ha contribuito con 500mila euro, li avesse dati al governo gialloverde, alla cui azione noi ci ispiriamo e che molto sta facendo per i comuni attraverso contributi a pioggia, che ne ha confermati e garantiti sette milioni e mezzo. Ovviamente noi cercheremo di spenderli al meglio, evitando che questo progetto diventi una nuova ‘area del Madonnino’”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.