Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il progetto Metavie per i giovani: l’economia riparte dai mestieri del passato

GROSSETO – Un progetto con l’obiettivo di sostenere e favorire, attraverso la formazione professionale dei giovani e l’innovazione, la nascita di nuove economie che, a partire dai luoghi e dai mestieri del passato, stimolino la filiera turismo-ambiente-cultura.

Metavie è il progetto finanziato dal programma europeo di cooperazione transfrontaliera Interregionale Italia-Francia Marittimo 2014-2020, con un contributo di 267.142,04 euro, 227.070,73 dei quali in quota al Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). Il progetto sarà presentato nel corso del kick-off meeting che si terrà mercoledì 8 maggio 2019. L’appuntamento è alle 9,30 alla sede operativa del Gal Far Maremma, in via Giordania.

Metavie mira a riportare alla luce le tradizioni, i mestieri, le professioni che hanno accompagnato la pratica della transumanza e renderli accessibili a tutti, creando opportunità d’inserimento professionale per i giovani attraverso formazione, scambio interculturale intergenerazionale e coinvolgimento di attori locali.

Il gruppo target principale delle attività è costituito dagli studenti delle classi 3/4 degli istituti superiori, 30 in tutto da Toscana, Sardegna e Corsica che dovranno interagire con altri gruppi target, istituzioni pubbliche, imprese e aziende locali, le organizzazioni professionali dell’agricoltura, artigianato e turismo locali, gli enti e associazioni locali che operano nel campo della promozione del turismo sostenibile e dei territori locali a vari livelli.

Le azioni principali del progetto prevedono la realizzazione di moduli formativi transfrontalieri e formazione per gli studenti, anche attraverso workshop e laboratori, la realizzazione di visite scambio in Toscana, Sardegna e Corsica e realizzazione di un piano di marketing e comunicazione.

Il Gal Far Maremma, con sede in Toscana, è il soggetto capofila. Nel progetto di cooperazione sono coinvolti altri 3 partner: il GAL Sarcidano Barbagia di Seulo, con sede in Sardegna, il Syndicat mixte du Parc naturel régional de Corse – Parcu di Corsica, con sede in Corsica ed il Circolo Festambiente con sede in Toscana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.