Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Madonna delle grazie: messa e processione per le feste quinquennali

GROSSETO – “Fermati un po’ e ascolta”. E’ l’invito che compare nel banner posto all’ingresso della chiesa di San Pietro al corso, rivolto a tutti coloro che nei prossimi giorni attraverseranno la via principale del centro storico di Grosseto. All’interno della più antica chiesa della città, infatti, a partire da domenica 5 maggio alle 21, per cinque giorni, ininterrottamente, sarà letta la Bibbia dalla Genesi all’Apocalisse.

E’ l’iniziativa “E Dio disse…”, promossa dalla Diocesi attraverso Caritas e la collaborazione di altri uffici pastorali, per dire che abbiamo tutti bisogno di parole vere e di Parola “che sia come la pioggia e la neve, che non torna senza aver fatto germogliare la terra…”.

La lettura continuata della Bibbia, giorno e notte, da domenica 5 a venerdì 10 maggio, avrà inizio a conclusione di una giornata importante per la vita della Chiesa di Grosseto: domenica, infatti, si celebrano le feste quinquennali in onore della Madonna delle Grazie, la cui immagine, dipinta nel 1470 da Matteo di Giovanni, è custodita e venerata da secoli in cattedrale.

La Madonna delle Grazie è, con san Lorenzo, la patrona della città e della diocesi di Grosseto e ogni cinque anni, accanto alla festa annuale che si celebra la prima domenica di maggio, si tengono le solenni feste quinquennali. La venerazione dei grossetani verso la Madonna si perde nei secoli. Già durante il dominio dei conti Aldobrandeschi fu eretta una pieve in suo onore, la quale, nel 1138, accogliendo il Vescovo trasferito da Roselle a Grosseto, fu elevata alla dignità di chiesa cattedrale, prima che, sui resti di quell’antica pieve, venisse realizzato il bellissimo Duomo che ancora oggi è il cuore della città. Il 6 maggio 1759 l’immagine della Madonna delle Grazie venne solennemente incoronata, mentre nel 1857 parteciparono alle solenni feste quinquennali anche il granduca e la granduchessa di Toscana. Due anni dopo Grosseto festeggiò il primo centenario dell’incoronazione della Madonna.

Oggi il culto verso la Madonna delle Grazie è ancora vivo. Le feste quinquennali sono promosse dalla Diocesi col Capitolo della Cattedrale e la congregazione Madonna delle Grazie, che conta poco meno di 200 iscritti.

Domenica 5 maggio, dunque, alle 17 mons. Giovanni Roncari, vescovo di Pitigliano-Sovana-Orbetello, presiederà la Messa solenne in cattedrale, concelebrata dal vescovo Rodolfo e dai sacerdoti della Diocesi. Sono sospese le Messe pomeridiane nelle parrocchie della Diocesi. Animeranno con il canto le corali Puccini e Gaudete. Al termine, si snoderà la processione secondo il seguente itinerario: piazza Duomo, via Manin, porta Corsica, via Gramsci, lato destro di via Ximenes, via Manetti, corso Carducci. Rientrati in cattedrale, sarà recitata la preghiera composta dal vescovo Rodolfo per la peregrinatio che l’icona della Madonna delle Grazie ha compiuto, da dicembre, nelle parrocchie della Diocesi e sarà, quindi, impartita la benedizione solenne sulla città e sulla Diocesi.

Al termine, il Vescovo intronizzerà la Parola di Dio come gesto che lega le feste quinquennali alla lettura continuata della Bibbia, che prenderà il via alle 21 nella chiesa di San Pietro al Corso. A dare inizio alla lettura sarà lo stesso vescovo Rodolfo, che proclamerà il primo capitolo della Genesi. Poi il rettore del Seminario e i seminaristi e, via, via, gli oltre 600 lettori che si alterneranno fino a venerdì 10 maggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.