Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mondiali master, gli alfieri della Track and Field portano via nove medaglie e tanti applausi

GROSSETO – Ritorno in Maremma con nove medaglie e tanta gloria per gli atleti della Track and Field Grosseto ai mondiali master di Torun. Inizia col piede giusto Edoardo Poggiaroni che conclude molto bene il pentathlon M45 al quindicesimo posto sfiorando i 2800 punti totali; questi i suoi parziali: 60 H 10″66 599 punti, lungo 5mt00 537 punti, peso 9mt88 599 punti, alto 1mt54 536 punti, 1000mt 3’33” 526 punti.

 
Sabato, giornata dedicata alla 10km di marcia con i grossetani che conquistano sette medaglie tutte a squadre oltre a due amari quarti posti come massimo risultato individuale. Questi i risultati nel dettaglio: sesto posto per Biagio Giannone, m75 argento team; quarto per Simona Palandri, f40 bronzo team; settima piazza per Alessandra Canuti, f40 bronzo team, e per Silvia Bicocchi, f45 bronzo team; ottavo piazzamento per il presidente Ernesto Croci, m45 bronzo team; quarto posto per Francesco Scafuro, m40 bronzo team e sesta posizione per Gino De Lello, m40 bronzo team.

 
Nei 1500 metri Renato Goretti ha chiuso a testa alta con un 21esimo posto.
Indimenticabile l’ultima giornata della competizione, come da tradizione dedicata alla prova più lunga, stavolta la mezza maratona e alle staffette 4×200, con i maremmani che portano via altri due metalli preziosi. Storica medaglia d’argento quella individuale di Claudio Nottolini al termine di una gara tatticamente perfetta chiusa di poco sopra a 1h 19′ a dispetto di un percorso nervoso con una volata lunga per battere un atleta irlandese e molti altri m55 tutti competitivi, chiudendo alle spalle soltanto di un portoghese imprendibile. Podio mondiale, imprevisto quanto bello e coinvolgente, anche per Andrea Cicerale, 31esimo m40 che ha chiuso sotto 1h23′ tra i primi 3 italiani di categoria per un bronzo a squadre per lui dietro a Polonia e Bielorussia. Finisce col settimo posto il mondiale di Edoardo Poggiaroni e Renato Goretti, inseriti nella staffetta italiana m45: impossibile fare di meglio nonostante il grande impegno. Renato è il migliore dei suoi nella m65 ma purtroppo la staffetta non si classifica. Prossima manifestazione internazionale per la Track and Field a settembre, con gli europei in Italia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.