Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Salute, Termine: «Servizio del pediatra garantito ma la Regione deve tutelare le aree dell’interno»

AMIATA – “Esito positivo della riunione coordinata dalla Società della Salute: la Asl garantirà la presenza del pediatra in attesa dell’individuazione di un nuovo professionista. Intanto si è costituito il tavolo di programmazione per chiedere politiche di sostegno ai Comuni montani e dell’entroterra” a farlo sapere una nota del Coeso società della salute.

Si è tenuto ieri, lunedì 18 marzo, l’incontro tra il presidente della Società della Salute grossetana, i sindaci della zona Amiata grossetana, il direttore di distretto, il capo dello staff della direzione sanitaria e il direttore delle convenzioni con i medici di famiglia e i pediatri di libera scelta, per capire come migliorare l’offerta sanitaria.
Presenti alla riunione, finalizzata a costituire, tra le altre cose, un tavolo di programmazione per i servizi, anche i tre sindacati confederali. All’ordine del giorno la questione del servizio di pediatria sull’Amiata e, più in generale, l’organizzazione delle prestazioni sanitarie nelle aree interne “Perché troppo spesso – spiega Giacomo Termine, presidente di Coeso SdS – i comuni delle zone montane soffrono della carenza di collegamenti e della riduzione dei servizi”.

Negli ultimi mesi, infatti, alcuni comuni amiatini (Semproniano, Castell’Azzara e Roccalbegna) hanno dovuto far fronte alle dimissioni del pediatra di libera scelta. “L’Azienda sanitaria – dice Termine – si è impegnata a garantire il servizio per i bambini e per le loro famiglie nel periodo che intercorre tra le dimissioni del professionista in carico e l’indizione di una selezione per individuare un nuovo pediatra, secondo la procedura di ‘pubblicazione di ambito carente’. Ma per evitare che situazioni del genere si ripetano è necessario concertare azioni condivise e richiedere un maggiore impegno da parte della Regione”.

Nell’incontro di lunedì, infatti, i sindaci dei Comuni amiatini, in accordo con i sindacati, hanno deciso di chiedere una nuova legge regionale per favorire la presenza dei servizi nei territori dell’entroterra e aumentare il contributo procapite, per le spese, sanitarie anche per i comuni più piccoli.
“In questo modo – aggiunge Termine – speriamo di interrompere un circolo vizioso: le zone interne si spopolano e quindi godono di minori fondi a disposizione per servizi e prestazioni e, allo stesso tempo, la decisione di molte persone di trasferirsi verso aree più popolose è legata anche alla scarsità dei servizi riscontrata”.

La richiesta dei Comuni dell’Amiata grossetana è quella di rivedere gli ambiti, anche alla luce dell’unificazione delle zone distretto, in modo da rendere più facile e più appetibile per i professionisti del territorio la permanenza anche in zone dell’entroterra. “Speriamo – conclude Termine – che la Regione accolga le nostre richieste e che si arrivi, grazie anche all’impegno dell’Azienda sanitaria e delle organizzazioni sindacali, a garantire la presenza del pediatra in tutti i comuni della montagna”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.