Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Gli “animali fantastici” prendono vita dopo l’incendio: il Comune riparte con le opere di Fabbrizzi fotogallery video

GAVORRANO – È stata inaugurata oggi nella sede del Parco delle Colline Metallifere la mostra “Schegge di bellezza di nero fumo”, la personale di Gianpiero Fabbrizzi, uno degli operai che un anno fa assistette al devastane incendio di Gavorrano. In quel rogo del 15 febbraio 2018 andò distrutto quasi completamente l’autoparco del Comune: bruciarono mezzi e attrezzi. Una vera calamità che mise in ginocchio non soltanto l’amministrazione, ma anche l’intera comunità.

Schegge di bellezza 2019

Nel vecchio capannone tra cenere e ferraglia Gianpiero Fabbrizzi, uno dei dipendenti storici del Comune, iniziò la sua opera di artista: con i pezzi inutilizzati nel giro di qualche mese ha dato vita a 42 opere d’arte, decine di animali fantastici, rinati da quell’incendio. Così le pinze diventano bocche, i cuscinetti diventano occhi, i tubi flessibili gambe e braccia.

All’inaugurazione della mostra, curata dall’artista Leonardo Cambri, oltre all’autore di queste installazioni da recupero, erano presenti il sindaco Andrea Biondi, gli assessori della sua giunta, l’assessore del comune di Grosseto Fausto Turbanti, il presidente del Parco delle Colline Metallifere Lidia Bai, e tutta la squadra di operai che videro le fiamme e la distruzione dell’incendio del 2018. Tra loro anche Paolo Topi, capo operaio, il primo che arrivò sul posto chiamato dai vigili del fuoco. «Sembrava un bombardamento, non era rimasto niente, il fuoco di era mangiato tutto» ha raccontato Topi leggendo una lunga lettera prima della visita alla mostra. Il sindaco Biondi ha poi ringraziato tutti i soggetti che in questo anno hanno dato una mano: dai cittadini alle associazioni, agli altri comuni e ha consegnato una pergamena a tutti coloro che in quell’occasione sono stati vicini al Comune.

L’esposizione delle opere di Fabbrizzi è stata collocata nel “ballatoio” dei Bagnetti, a Gavorrano, ed è visitabile tutti i giorni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.