Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Grosseto celebra la giornata del Ricordo: «Profonda riflessione in memoria delle vittime delle Foibe». TUTTE LE FOTO della manifestazione fotogallery

Più informazioni su

GROSSETO – Si è tenuta stamattina alle 12.00, presso il Parco della Rimembranza sulle Mura Medicee di Grosseto, la commemorazione in ricordo dei martiri delle Foibe Istriane.

“Abbiamo da sempre fortemente voluto, – dice il portavoce provinciale di Fratelli d’Italia, Fabrizio Rossi – che questa importante commemorazione avesse luogo presso il monumento al Milite Ignoto sulle nostre Mura, in quanto questo luogo è per noi un simbolo che ben rappresenta il sacrificio dei tantissimi italiani morti per la Patria”.

“Oggi, – continua Fabrizio Rossi – siamo qui per il giorno del Ricordo, una data istituita nel 2004, dopo oltre cinquanta anni dalle atroci violenze subite dagli italiani nelle Foibe istriane. Vogliamo ricordare il dramma che ha coinvolto gli italiani, e sottolineo italiani e italiane, e non fascisti come alcuni vorrebbero indicare, che vennero arrestate e poi eleminate, non tanto sulla base di responsabilità personali, ma quanto sulla base della propria appartenenza, con il solo scopo di metterli in condizione di non nuocere, perché ritenuti pericolosi”.

“Nonostante il silenzio, – afferma il portavoce di FDI – le manipolazioni storiografiche che nascondevano gli orrori commessi dai partigiani comunisti Slavi contro gli italiani, come qualche storico negazionista ha provato a nascondere, finalmente hanno avuto termine. Anche il Presidente della Repubblica, con un messaggio netto e chiaro ha ribadito che gli orrori e eccedi, non furono commessi per una ritorsione contro il fascismo, ma furono commessi contro gli italiani”.

Purtroppo, – conclude Fabrizio Rossi –  nonostante questa verità storica inoppugnabile, stamattina un gruppo di squallidi individui ha infangato, con un manifesto con una scritta deprecabile e vile, la sede istituzionale del palazzo Comunale. Un gesto, questo, che non è degno di un Paese civile”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.