Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il progetto FutureForCoppiceS dà i primi risultati sulla situazione dei boschi cedui

MASSA MARITTIMA – Presentati al palazzo dell’Abbondanza di Massa Marittima i primi risultati del progetto europeo “FutureforcoppiceS” dedicato alla gestione sostenibile dei boschi cedui.

Ad illustrare il dati della ricerca il responsabile del progetto Andrea Cutini di Crea, il consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria. “FutureforcoppiceS” ha potuto contare su una serie di partner importanti come il già citato Crea, la Regione Toscana attraverso l’Ente terre regionali Toscane, l’Agenzia forestale regionale della Sardegna Forestas, l’Università degli Studi di Firenze e l’Università degli Studi di Sassari e la Fondazione Edmund Mach.

La ricerca che si sta avviando verso la conclusione prevista per il 31 marzo ha interessato 45 aree sperimentali in sette distretti nelle regioni della Toscana e della Sardegna tra cui anche il complesso forestale regionale Colline Metallifere “Poggi di Prata, Pavone, Milia, Monte Arsenti” gestito dall’Unione di Comuni Montana Colline Metallifere per conto di Regione Toscana. L’obbiettivo del progetto era quello di dimostrare, con dati reali raccolti su una serie di aree sperimentali, i diversi effetti, rispetto ad alcuni indicatori, delle differenti opzioni di gestione forestale(ceduo, avviamento ad alto fusto, evoluzione naturale).

A introdurre il convegno Marcello Giuntini nella doppia veste di sindaco di Massa Marittima e assessore delegato alla materia forestale dell’Unione di Comuni. Per approfondire alcuni aspetti del progetto sono intervenuti anche il prof. Roberto Fratini del Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari, Alimentari e Forestali dell’Università degli Studi di Firenze e ilBruno Ciucchi di ente Terre regionali toscane che si è soffermato sui motivi che hanno spinto la Regione Toscana a promuovere questa ricerca che offre spunti interessanti nell’ottica della gestione forestale sostenibile.

Tra le aree considerate nel progetto vi sono anche quelle presenti nel complesso forestale regionale “Colline Metallifere” gestito dall’Unione di Comuni che ha sede a Massa Marittima. L’ente ha collaborato fattivamente mettendo a disposizione dei ricercatori l’enorme massa di dati raccolti sul campo nel corso dei decenni che è servita come fondamentale base di partenza del progetto. Sono state messe a disposizione anche le più recenti esperienze legate alle certificazioni forestali ottenute dall’Unione di Comuni Colline Metallifere nel Complesso “Colline Metallifere” illustrate nell’occasione da Marco Pollini, responsabile del servizio Patrimonio e Foreste dell’Unione.  Adriano Magni, responsabile del servizio forestale dell’Unione, ha, infine, illustrato i dati relativi alla gestione del vincolo forestale nell’ampio territorio di competenza dell’Unione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.