Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Otto milioni di euro per le opere pubbliche: dal parco del Diversivo all’ex Garibaldi. L’elenco dei più importanti

GROSSETO – Approvato in Consiglio comunale il programma triennale dei lavori pubblici 2019/2021 con l’elenco annuale dei lavori previsti nel 2019, il cui valore complessivo ammonta a 8.433.367,31 euro. Nel piano triennale dei lavori pubblici non compare più via Caravaggio, intervento che è già stato realizzato, mentre sono stati previsti dei nuovi investimenti. Tra le novità del 2019, c’è la precisione di uno stralcio del percorso stradale pedonale e ciclabile dal Ponte sul fiume Ombrone a Principina a Mare e la riqualificazione del Parco del diversivo. Importante anche la sistemazione dell’ex Garibaldi, per il quale sarà contratto un mutuo di 1 milione e 200 mila euro.

Nel corso dell’anno saranno attuati anche i lavori di manutenzione delle strade di Grosseto e frazioni, di scuole ed edifici istituzionali e degli impianti sportivi. Una manutenzione straordinaria della viabilità è inoltre prevista in via Serenissima,  per un costo di 1 milione e 100mila euro e saranno avviati i lavori di restauro del primo e secondo piano della ex Chelliana. Altri lavori concernono la riqualificazione energetica dell’edificio scolastico di via Einaudi a Grosseto, l’adeguamento degli svincoli dell’ex Ospedale, l’adeguamento antincendio della sede dell’Università di via Saffi, l’adeguamento dell’ascensore pubblico in via Colombo 5 a Grosseto e il quarto stralcio della scuola media Garigliano.

“Gli impegni presi da questa Amministrazione – commentano il sindaco, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, e l’assessore ai lavori pubblici, Riccardo Megale – vengono portati avanti, a cominciare dalla promessa fatta in campagna elettorale, per la sistemazione dell’ex Garibaldi. Un altro impegno importante è la creazione di un terzo polmone verde a Grosseto, nel quartiere Pace, che non ha un parco. A tal proposito, sono stati avviati nuovi rapporti con il Demanio per ottenere la cessione sull’area del diversivo, dove sorgerà il parco. L’idea è di strutturare, oltre allo spazio verde, un’area di bosco urbano”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.