Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifiuti, la risposta ad Ato: «Nessuna interruzione di servizio. Al lavoro per recuperare i disagi»

GROSSETO – «Il gestore, a seguito della lettera pervenuta dall’Autorità di Ambito ha inviato una nota di risposta in cui, nel pieno spirito di collaborazione con l’Autorità e con le amministrazioni, rappresenta una situazione tutto sommato sotto controllo, salvo alcuni specifici ed isolati casi oggetto di continuo monitoraggio ed intervento per assicurare il pieno recupero» a parlare è Sei Toscana in una nota.

«Nella nota il gestore fa presente che il dialogo con le amministrazioni interessate, l’ascolto del territorio e dei cittadini non sono mai cessati, così come non è mai cessato l’impegno delle strutture di SEI Toscana che si sono adoperate fin da subito per prevenire possibili disservizi – prosegue la nota – il gestore, pur registrando alcune circoscritte e definite criticità, non ravvisa tuttavia situazioni che possano mettere a repentaglio la “piena continuità del servizio”».

«Purtroppo- comunica SEI Toscana- la situazione in alcuni territori può essersi enfatizzata in conseguenza dell’afflusso turistico e delle importanti temperature delle ultime settimane, che generano l’aumento di alcune tipologie di rifiuti, nonché dell’avvio di alcuni servizi domiciliari, rispetto ai quali i cittadini devono ancora adattarsi pienamente. Al riguardo, è stata già nostra cura mettere in campo le misure correttive, straordinarie, necessarie a gestire tutte queste problematiche, con la certezza di un pieno ritorno alla normalità fin dalle prossime ore».

«In merito alle critiche verso l’organizzazione del lavoro e il ricorso a forme contrattuali flessibili – sottolinea la nota – Sei Toscana ribadisce di operare nel pieno rispetto della normativa, avendo peraltro un dialogo costante ed approfondito con le Organizzazioni sindacali, che ben conoscono la situazione dell’azienda. Purtroppo, l’assenza di un Piano d’Ambito a distanza di oltre cinque anni dalla stipula del contratto di servizio, e la conseguente necessità di determinare anno per anno i servizi senza la dovuta prospettiva di medio-lungo periodo, determina un oggettivo ostacolo all’attuazione da parte di Sei Toscana di una politica del personale strutturata e strutturale che sappiamo bene essere uno degli elementi cardine per l’efficienza aziendale».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.