Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Grosseto è sicura? Prosegue la ricerca dell’Università. Il Comune fa il punto sulle interviste

GROSSETO – «Le interviste nell’ambito di “Urban Safety Profile” riprenderanno a pieno ritmo a settembre. Il progetto di ricerca sul tema della sicurezza urbana rallenterà tra luglio e agosto per poi ripartire a pieno regime dalla fine dell’estate» a dirlo è il Comune.

«La ricerca, condotta dall’università di Siena, attraverso il dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e neuroscienze, in stretta collaborazione con il Comune e il Polo universitario grossetano – spiega l’Ente – prevede come primo step le interviste a un campione casuale di cittadini distribuiti in cinque diverse zone della città.
Alla fine di giugno sono state raccolte circa la metà delle interviste previste, grazie alla disponibilità dei cittadini e dei volontari autorizzati per raccogliere i dati».

Queste le zone della città interessate dalle interviste:
1) il centro storico, le Mura e primo anello esterno alle Mura, stradale circostante,
2) abitazioni in prossimità del centro (compreso il quartiere Pace e tutte le abitazioni che si trovano tra il centro storico e la linea della ferrovia)
3) il quartiere di Gorarella, compresa la zona Aurelia antica
4) il quartiere di Barbanella
5) il quartiere oltre il diversivo fino a tutta la zona del Maremà.

«I cittadini coinvolti sono stati estratti a sorte e hanno ricevuto comunicazione di questa attività. Il campione tipo è composto da oltre 700 residenti – prosegue il Comune – Il progetto si articola sui tre livelli di intervento, a partire dall’analisi dello scenario territoriale, attraverso i dati delle statistiche ufficiali riguardanti tutti gli ambiti che a vario titolo incidono sulla tematica della sicurezza, ma anche attraverso la collocazione del territorio rispetto al contesto nazionale e una valutazione della sicurezza percepita nel contesto urbano. La seconda tappa sarà la progettazione di interventi in tema di politiche della sicurezza e infine la valutazione delle ricadute delle politiche della sicurezza progettate».

A fronte di questa collaborazione, l’Amministrazione comunale potrà disporre di tutti i risultati (informazioni, dati, ecc.) prodotti dal progetto e utili alla definizione delle politiche per la sicurezza, sia di diretta competenza che di competenza degli organi statali territoriali (Prefettura, Questura).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.