Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piano parcheggi, l’opposizione: «È un incubo per la città»

FOLLONICA – Il piano parcheggi è un incubo per la città. Così la pensano i due consiglieri di minoranza Sandro Marrini (Forza Italia) e Agostino Ottaviani (Fratelli d’Italia).

«Per anni – scrivono i due consiglieri – abbiamo urlato contro la maggioranza e la giunta follonichese con la speranza che si svegliassero e potessero realizzare qualche cosa per il bene della città. Mai avremmo pensato che ad un anno esatto dal voto si potesse arrivare a tanto. Il piano parcheggi, che è trapelato dalla maggioranza, è un incubo per la cittadinanza tutta e per il tessuto commerciale del Golfo, e forse sarebbe stato molto meglio che questa amministrazione avesse continuato nella inattività fino alle prossime elezioni amministrative. Prevedere un aumento dei costi dei ticket dei parcometri, un aumento dei parcheggi blu e una esternalizzazione del servizio trentennale, che oltretutto porterebbe minori entrate nelle casse comunali di quante non siano adesso, è la controprova di come questa amministrazione, più che governare una città, avrebbe dovuto  partecipare a dilettanti allo sbaraglio».

«Ci rendiamo pienamente conto di come il Sindaco Benini, che dal 2009 ha come uniche entrate le retribuzioni delle cariche politiche ricoperte nel nostro comune, non abbia idea di cosa voglia dire sudarsi lo stipendio, ma a Follonica di situazioni così fortunate non ce ne sono, e prevedere rincari nei parcometri, con un aumento del numero dei parcheggi blu, ed una contestuale riduzione dei permessi per residenti, vuol dire andare e sottrarre soldi alle tasche di chi lavora, di chi difficilmente arriva a fine mese, e se il Sindaco, con la sua giunta, non lo ha capito, abbiamo il dovere morale di comunicarglielo noi».

«Questa maggioranza si sta sgretolando, e la cittadinanza da questa guerra di tutti contro tutti, per una volta, ne ha guadagnato, poiché questa fuga di notizie, non solo denota dei forti malumori interni al centrosinistra, ma permette ai cittadini di venire a conoscenza di un piano grave e distruttivo per la città, dando ad ognuno di noi l’obbligo morale di sollevarsi e protestare con ogni mezzo. Come Fratelli d’Italia e Forza Italia metteremo in campo ogni azione politica per contrastare questa scelta scellerata, una scelta che va a gravare ulteriormente sulle tasche dei contribuenti, già troppo vessati da queste amministrazioni di sinistra. Appena avremo l’ufficialità del piano che questa amministrazione sta preparando informeremo gli organi die controllo, Corte dei Conti e Procura della Repubblica in primis, poiché non comprendiamo come una amministrazione a fine mandato, che si appresta ad entrare in semestre bianco, possa arrogarsi il diritto non solo di esternalizzare il servizio parcometri per 30 anni, ma lo faccia ad una cifra inferiore a quella che ad oggi la stessa amministrazione incassa, avendo un migliaio di parcheggi blu in meno di quelli previsti, tariffe inferiori e fasce orarie diverse».

«Se a questa amministrazione follonichese piace mettere le mani nelle tasche dei cittadini,L troverà la nostra più ferma e risoluta opposizione. Ai consiglieri di maggioranza, che per amore della cittadinanza hanno fatto trapelare ai colleghi del Gruppo Misto la notizia, come Forza Italia e Fratelli d’Italia e chiediamo di dimostrare la contrarietà a questo piano non solo con fughe di notizie e assenze strategiche dal consiglio comunale, ma con un chiaro voto di dissenso».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.