Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Patrimonio culturale a rischio, l’appello del sindaco «Proteggiamo i nostri archivi»

GROSSETO – Recuperare, conoscere e proteggere il patrimonio archivistico della Provincia: questo lo spirito che muove il progetto che coinvolge Palazzo Aldobrandeschi ed il Polo Liceale P. Aldi, i cui studenti delle classi terze e quarte saranno coinvolti in lezioni e laboratori con esperti archivisti, coordinati da Anna Bonelli, direttrice della biblioteca Chelliana.

“Il progressivo e pericoloso ridimensionamento delle Province – spiega il presidente Antonfrancesco Vivarelli Colonna – sta provocando una perdita di materiale documentario di assoluto valore storico soprattutto nel nostro territorio che, nel secolo scorso, ha visto l’attuazione di notevoli cambiamenti e dinamiche di crescita vertiginosa. Ad oggi l’archivio provinciale è composto da circa 3mila volumi, un centinaio di opere d’arte, un’ingente raccolta fotografica con migliaia di immagini. Vogliamo proteggerlo e farlo conoscere”.

L’obiettivo del progetto è, infatti, quello di consentire agli studenti di relazionarsi in maniera corretta e consapevole col proprio territorio e proporre alla cittadinanza tutta un percorso di riappropriazione del patrimonio culturale: il lavoro degli studenti sarà infatti propedeutico all’allestimento di una mostra e alla stesura di ampio catalogo.

“Potenziare la storia dell’arte, in una Paese che ha un patrimonio culturale straordinario come il nostro, è un impegno che sentiamo fortemente – spiega il dirigente del Polo Aldi, Roberto Mugnai -. Con questo progetto vogliamo sviluppare la conoscenza e la comprensione del patrimonio culturale come bene comune, memoria e identità nazionale ed europea”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.