Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Università riunite in un unico Ateneo: anche il Polo universitario grossetano

GROSSETO – “Un solo ateneo per la Toscana? E’ una proposta che mi piace, che voglio sostenere, della quale ringrazio il rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei”. Così il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, interviene in relazione a una dichiarazione del rettore dell’ateneo fiorentino che, a margine di un’iniziativa a Firenze, insieme ai colleghi di Pisa e Siena, ha parlato dell’idea di una “Università della Toscana”.

“Da tempo – evidenzia Rossi – gli atenei toscani sono impegnati in un percorso di collaborazione e integrazione che la Regione Toscana, insieme all’Azienda per il diritto allo studio, incoraggia e sostiene. Questo percorso di avvicinamento va proseguito ponendo la meta di creare un sistema universitario unico sullo sfondo, come obiettivo finale. E’ una direzione di marcia importante perché può permettere alle università di attrarre investimenti, di rafforzare la sua dimensione europea e di potenziare i suoi capisaldi: il rapporto col mondo del lavoro, la ricerca, l’innovazione”.

“Pochi giorni fa a Bruxelles – sono ancora parole del presidente – si è compiuto un passo importante in questa direzione con la nascita di Tour4Eu (Tuscan Organisation of Universities and Research for Europe) l’associazione costituita dalla Regione insieme ai sette atenei toscani, con l’obiettivo di promuovere gli interessi del sistema della ricerca toscana in Europa e di aumentare i fondi europei in arrivo al nostro sistema universitario. Questa, lo ribadisco, è la strada giusta su cui lavorare, non solo a Bruxelles ma anche in Toscana”.

“Questa alleanza tra gli atenei toscani sostenuta e sollecitata anche dalla Regione Toscana nelle tre missioni delle università, didattica, ricerca e terza missione, esiste già, è una realtà” evidenzia la vicepresidente della Regione nonché assessore a cultura, università e ricerca Monica Barni.

“Siamo impegnati – continua – in un lavoro di squadra su più fronti, pur nel rispetto dell’autonomia delle singole università. La nascita dell’osservatorio regionale ricerca e innovazione, il progetto di orientamento verso la scelta degli studi, i bandi sulla ricerca e sull’alta formazione, l’impegno sul diritto allo studio, la carta unica dello studente, il successo della proposta Artes 4.0 in risposta al bando Calenda, per citarne alcuni, sono tutti interventi che vanno in un’unica direzione: contribuire allo sviluppo di una governance condivisa del sistema regionale delle università e della ricerca”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.