Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Contrasto alla zanzara tigre: azioni intraprese e suggerimenti. Ecco come difendersi

GROSSETO – «Come avviene ormai, regolarmente da diversi anni, il Comune di Grosseto ha già avviato la sua campagna per contrastare la diffusione dei fastidiosi insetti» a renderlo noto è l’Ente che fornisce anche una guida di suggerimenti ai cittadini per difendersi al meglio dai fastidiosi insetti.

«Gli interventi consistono nei trattamenti antilarvali di tutte le caditoie urbane e nei trattamenti adulticidi recentemente effettuati, al Parco di via Giotto, a Marina e a Principina mare, e altri in programma – scrive l’Ente in una nota – queste operazioni, svolte dalla ditta incaricata dall’amministrazione, mantengono costantemente sotto controllo la presenza delle zanzare. Tuttavia è di fondamentale importanza la collaborazione da parte dei cittadini che sono comunque invitati a rispettare alcuni accorgimenti per contrastare il proliferare di questi insetti, in particolare della zanzara tigre».

Tra i consigli alla cittadinanza ci sono delle raccomandazioni semplici ma efficaci, che possono contrastare la nascita di focolai negli ambiti privati, come casa, garage, scoperti, aree condominiali, giardini.
E’ importante, ad esempio, svuotare i sottovasi, le ciotole degli animali domestici o da cortile; tenere liberi e puliti i tombini, inserendo periodicamente prodotti antilarvali; pulire le fontane e introdurre se possibile dei pesci rossi che mangiano le larve delle zanzare.

Di seguito alcune regole base da seguire:
1) Eliminare gli oggetti che possono riempirsi d’acqua: vasi e sottovasi, recipienti, copertoni. Mantenere secchi e annaffiatoi con l’apertura verso il basso.
2) Coprire accuratamente le cisterne e i bidoni per la raccolta dell’acqua piovana con coperchi o reti antizanzare.
3) Svuotare periodicamente i sottovasi, gli abbeveratoi e le ciotole degli animali domestici e da cortile.
4)Tenere pulite le fontane e le vasche ornamentali introducendo, se possibile, pesci rossi che mangiano le larve delle zanzare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.