Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

10 lavoratrici a rischio licenziamento, Sani chiede l’intervento di sindacati e Regione

CINIGIANO – In tutto sono una sessantina le lavoratrici in Toscana a rischio licenziamento con la cessione del marchio Defi -Pratesi di Pistoia. Di queste, 10 donne sono di Cinigiano, tutte di età compresa tra i 40 e i 60 anni. Donne che da una vita lavorano da casa, occupandosi del taglio, ricamo, rifiniture e stiratura di prodotti tessili, per la ditta Defi-Pratesi, marchio storico dell’industria tessile italiana, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo per la qualità delle produzioni artigianali.

“Perdere 10 posti di lavoro in un colpo solo ha ripercussioni socio economiche molto serie in una piccola comunità come quella cinigianese – afferma il sindaco Romina Sani – la ditta Pratesi è arrivata a Cinigiano nel 1969, tramite suor Carla e suor Gemma che vennero contattate da Athos Pratesi, padre di Federico Pratesi, l’attuale proprietario, per assumere alcune donne del paese esperte di ricamo, che potessero provvedere al confezionamento dei prodotti tessili. In quel periodo, lo Stato prevedeva sgravi fiscali alle ditte che investivano, assumendo dipendenti in zone disagiate e periferiche, quale poteva essere Cinigiano. All’inizio vennero assunte 4 donne a cui veniva fornita la stoffa che da casa dovevano ricamare e rifinire a mano. La ditta Pratesi ha sempre lavorato la biancheria e le donne impiegavano in media 10 giorni prima di rimandare in ditta il prodotto finito. Qualche anno dopo erano diventate 16 le lavoratrici di Cinigiano assunte dall’azienda. Alcune di esse sono riuscite ad arrivare alla pensione. Oggi a rischio licenziamento sono rimaste in 10. 10 donne che hanno lavorato per una vita per quel marchio, contribuendo con il loro mestiere al successo e alla bellezza dei tessuti confezionati con cura artigianale. E’ assurdo che queste donne vengano abbandonate al loro destino senza che nessuno si preoccupi di tentare almeno una strada alternativa”.

“Come sindaco – conclude Romina Sani – esprimo tutta la mia solidarietà e sottolineo l’importanza del lavoro posto a fondamento della nostra Repubblica. Non nascondo la mia grande preoccupazione per quelle famiglie che potrebbero trovarsi di colpo senza un’entrata. Per questo mi rivolgo ai sindacati e alla Regione Toscana, da sempre attenta alle donne e al lavoro, affinché insieme, si possa provare ad aprire una trattativa per salvare il lavoro delle donne, la storia e la qualità della produzione che, grazie anche a loro, ha mantenuto alto il nome Pratesi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.