Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ecco il simbolo che blocca gli smartphone: decine di telefoni bloccati dopo lo scherzo in chat

Più informazioni su

GROSSETO – Sembra che sia il divertimento di queste ore delle chat soprattutto di ragazzini. Un carattere indiano che fa andare in crash l’iPhone. Sono già decine i ragazzi, soprattutto giovani, che stamani si sono svegliati con i telefoni bloccati. Basta che il carattere venga inserito in un testo qualunque, e inviato ad un amico o magari ad una intera chat, per bloccare tutti i gli iPhone collegati.

simbolo bag

E purtroppo sembra essere un giochino divertente per alcuni ragazzi. Il carattere se inviato con un servizio di messaggistica (WhatsApp, Twitter, Messenger, Telegram) o visualizzato in una app in formato testuale, blocca iPhone e Mac (anche tablet e pc). Si tratta di un carattere della lingua telegu, tra le più parlate in India.

Una volta ricevuto un messaggio con quel carattere l’app va in crash e si chiude improvvisamente, e in alcuni casi riavvia il dispositivo, in altri il telefono inizierà a spegnersi e ad accendersi continuamente. Nel 20% dei casi consentirà di rientrare: se si riesce a cancellare il messaggio siamo salvi, nel resto toccherà rivolgersi ad un tecnico specializzato.

«Abbiamo aumentato le postazioni di lavoro – afferma Marco Natale del Centro riparazioni smartphone e tablet – da questa mattina siamo letteralmente sovrastati di richieste di ripristino da parte di persone con il telefono impazzito. Stiamo cercando di offrire a tutti un servizio il più rapido possibile, anche perché molte persone con il telefono lavorano e non possono restare a lungo senza».

Apple sta lavorando sul bag per risolvere il problema con il prossimo aggiornamento che però non sarà pronto prima di pochi giorni. Sino ad allora dobbiamo sperare di non avere amici “burloni” che si divertono con questo “simpatico” scherzetto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.