Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Presentate a Massa Marittima le ‘Cronache infedeli’ di Flavio Fusi

Più informazioni su

MASSA MARITTIMA – Non è un romanzo, non è un reportage, è un genere “ibrido”… di “Cronache  infedeli” appunto, l’omonimo libro presentato ieri al Palazzo dell’Abbondanza da Flavio Fusi. Il giornalista di origini massetane, formatosi in gioventù all’Unità e poi  rimasto per oltre trent’anni al centro delle cronache internazionali raccontate dal TG3 dall’estero, ha voluto concedersi e condividere con questa pubblicazione, tutti i racconti di impressioni, atmosfere e di vita delle persone incontrate nei luoghi lontani, diversi, in cui ha vissuto e da cui ha portato notizie spesso storiche.

Dopo aver inviato “fatti” dal mondo, mentre cambiavano indelebilmente epoche, società e geografie, con il crollo del muro di Berlino, con la vittoria di Nelson Mandela, con i contrasti in Cecenia, le guerre nella ex Jugoslavia, le vicende storiche e politiche di Cuba e dell’America Latina, il tragico schianto infuocato delle Torri Gemelle, il giornalista dice con consapevolezza: «arrivato a questo punto ho pensato di raccontare la carne viva di luoghi e persone incontrati nei miei viaggi di inviato: quello che prima non potevo fare, per rispettare una verità dei fatti il più obiettiva e sintetica possibile, l’osso insomma delle vicende, ora posso narrare, con l’aiuto immaginario dei personaggi che ho incontrato: dalla giovane Ilaria Alpi, al funzionario comunista delle Germania Est fino a quel popolo liberato da Mandela a Joannesburg, dove il giorno dopo l’elezione del nuovo presidente erano tutti più sorridenti e io vagavo per la città godendone a pieno. Ad un certo punto ho pensato che quello che era rimasto fuori dalle cronache – ha concluso Fusi-fosse importante tanto quanto, quello che ne aveva costituito l’ossatura o forse di più». Questo emerge nella lettura delle sue cronache infedeli, accennate ieri da un lettore dell’associazione Liber Pater (Civa), Andrea Franceschi, che ha interpretato alcuni brani tratti dal libro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.