Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Attenti a quei tre”: in tv arrivano il Conte Max e Argia con Carlo Sestini

GROSSETO – Domenica sera la registrazione al FAQ della prima puntata della nuovissima trasmissione di Toscana Tv. Si chiama “Attenti a quei 3 – Foppeddittelo” e vedrà per protagonisti, Carlo Sestini insieme all’inedito duo composto da Argia e dal Conte Max Venturacci che cercheranno di far emergere quelle che sono le peculiarità del territorio maremmano esportandole a livello regionale per mezzo del canale 18 della emittente toscana. La registrazione, come le altre nove, avrà un’unica location rappresentata dal FAQ, il locale di via Legnano a Grosseto che si aprirà la domenica sera alle famiglie, che potranno assistere in diretta alle riprese ed essere parte attiva della trasmissione.

Ciascuna puntata vedrà insieme agli inediti conduttori, assistiti dalla valletta Luna Falorni, personaggi maremmani che si sono distinti a livello nazionale in vari campi, dalla musica, alla tv, dalla radio allo sport, dall’artigianato all’arte. Un modo diverso per conoscerli per vederli coinvolti in azioni talvolta lontane dal loro modo di essere. Ad inaugurare il format sono stati chiamati il grande saxofonista, Stefano Cocco Cantini e la Scuola di Ballo “Lady Francesca” con le sue coppie titolate, tra cui quella composta dagli stessi Francesca Balestri e Alessandro Provenni già campioni del mondo. La serata prevede alle 20,30 un giro pizza a 10 euro (bevande escluse), e intorno alle 22,15 l’inizio della registrazione per assistere alla quale è previsto un ingresso con bevuta a 7 euro.

Ma l’elemento di maggiore curiosità che rende “Attenti a quei 3” innovativa è il novero inusuale dei conduttori; Carlo Sestini, Argia, e Conte Max, soggetti profondamente diversi tra loro. Gli ospiti oltre ad esibirsi saranno messi sotto torchio dai tre conduttori con interviste serrate. “L’obiettivo del programma è quello di valorizzare il nostro territorio attraverso le sue eccellenze – racconta l’ideatore Carlo Sestini – mostrarle nel loro contesto e con esse compiere dejavu o permettere agli spettatori di conoscerli meglio mettendoli a “nudo” o coinvolgendoli in improbabili esibizioni.

Ovviamente in questa operazione non sono da solo, ma ho avuto la fortuna di coinvolgere due grandi protagonisti della maremmanità che riesce a prevaricare i confini territoriali e temporali grazie a modi diversi di declinarla e di viverla. Da una parte la maschera di Argia, alias Luciana Tosti Pollini, che dopo diversi anni di abbandono dalla tv e dalle scene teatrali, torna sul piccolo schermo per raccontare fatti del passato facendoli rivivere nel presente, infarcendo di aneddoti, poesie e prosa le interviste con gli ospiti.

Dall’altra il Conte Max Venturacci, abile animatore e musicista che si è distinto negli ultimi anni per aver traghettato il dialetto maremmano nella modernità, avvicinandolo ai più giovani, imperversando sui social e creando dei veri e propri tormentoni, con brani inediti o rivisitati. Mettere insieme questi due “animali da palcoscenico” – racconta ancora Carlo Sestini – caratterizzati da una forte ironia e da una deflagrante carica di simpatia non è stato facile, perché ciascuno di loro, abituato ad essere protagonista assoluto nel suo ambito, deve mettersi al servizio degli altri senza prevaricare, permettendo di esaltare le specificità e le peculiarità di ospiti e colleghi.” Intanto, già si parla dei prossimi ospiti del format domenica 26 novembre, quando davanti alle telecamere di “Attenti a quei 3”, dopo 25 anni di assenza, è previsto il ritorno di uno dei gruppi più amati degli anni ‘80; I Demenza Cronica. Allora abbandoniamo i divani e la domenica sera viviamola all’insegna del divertimento e dello spettacolo pronti a ripartire per una nuova settimana lavorativa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.