Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Biscoto di Roccalbegna diventa solidale: sabato iniziativa per la Fondazione Il Sole alla Conad

Sabato 18 novembre c/o Conad Aurelia Antica appuntamento con il biscotto salato di Roccalbegna per la Fondazione Il Sole

Più informazioni su

GROSSETO – Sabato 18 novembre presso il superstore Conad di via Aurelia Antica appuntamento speciale con la Fondazione Il Sole e il biscotto salato di Roccalbegna, uno dei prodotti più apprezzati del nostro territorio provinciale, presidio Slow Food dall’aprile del 2016.

L’evento all’insegna della solidarietà prevede che per ogni biscotto acquistato venga devoluto 1 euro alla Fondazione Il Sole (50 cent dal panificio Conti + 50 cent dalla Conad/Clodia commerciale), per supportare la realizzazione di importanti progetti.

In primis Autonomia possibile per il Dopo di Noi, che in questi ultimi mesi sta diventando sempre più impegnativo per l’alto numero di persone con disabilità coinvolte.

Libero Conti, titolare del panificio Conti di Roccalbegna, uno dei due forni del paese in cui viene custodita gelosamente la tradizione di questo squisito panificato, sarà presente nel reparto gastronomia del supermercato per impastare e sfornare il celebre biscotto salato: per l’intera giornata di sabato sarà quindi possibile assistere in diretta alla nascita di questo gustoso prodotto.

«Un ringraziamento sincero – dice il presidente della Fondazione, Massimiliano Frascino – al signor Libero Conti per aver pensato di sostenere la Fondazione Il Sole. Il fatto di avere il sostegno da parte delle aziende del territorio è per tutti noi un motivo di grande orgoglio, perché è un riconoscimento al lavoro quotidiano che svolgiamo con dedizione e passione. Un ringraziamento va anche alla Conad e al suo presidente Paolo Degli Innocenti per la disponibilità e per lo spazio concesso a questa importante iniziativa».

Prodotto tipico della tradizione rocchigiana immancabilmente presente nel tascapane del contadino, il biscotto è fatto con acqua, sale, farina, semi di anice bagnati nel vino bianco, olio, lievito naturale e tanto olio di gomito per impastare. I semi di anice vengono messi a mollo nel vino bianco per alcune ore. La farina impastata con lievito di birra e olio extravergine di oliva. Successivamente si strizzano i semi d’anice e si aggiungono all’impasto insieme al sale.

L’impasto viene lavorato per circa mezz’ora, si forma poi una pagnotta da dividere in tanti pezzetti che vengono poi allungati con le mani e intrecciati a formare un fiocco. A questo punto la pasta viene lessata in acqua bollente fino a che non sale in superficie. Una volta tolti dall’acqua i biscotti vengono fatti riposare su dei panni e poi cotti in forno a 250° per 50 minuti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.