Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Massimo Neri confermato alla guida della Cooperativa Olma

Più informazioni su

GROSSETO – Mentre è praticamente scattata anche in Maremma la raccolta delle olive per la campagna 2017, con una qualità eccellente anche se una quantità che risente, purtroppo, delle difficoltà meteo,  si sono tenuti, nei giorni scorsi, i lavori assembleari della Cooperativa Olma (Collegio Toscano degli Olivicoltori) di Grosseto. Massimo Neri è stato confermato Presidente con 215 voti favorevoli tra presenti e deleghe. Neri è stato confermato alla guida dell’importante cooperativa olivicola insieme a lui, nel cda, saranno presenti Bruno Tuccio, Fabrizio Filippi, Gaetano Zambrini, Simona Guidoni, Lorenzo Dori e Lorenzo Piras. Olma negli ultimi anni ha saputo orientarsi nel mercato diventando punto di riferimento per i soci. Lungimiranza e passione hanno determinato un cambio di  pelle che ha saputo cogliere al meglio le opportunità del mercato senza trascurare il miglioramento della qualità e dei servizi verso una base sociale di oltre mille soci. “Siamo certi – hanno sottolineato il presidente di Coldiretti Grosseto, Marco Bruni, ed il direttore Andrea Renna  – che Massimo Neri saprà continuare al meglio i progetti legati a innovazione e nuove tecnologie. Anche grazie al PIF (Piano Integrato di Filiera) la struttura ha concretizzato dei miglioramenti strutturali importanti, significativi  e strategici che sono praticamente quasi terminati. Il primo Cda è stato convocato il prossimo 18 ottobre. Tornando al calo delle produzioni la situazione si è determinata principalmente a causa dalla siccità e ad un vero crollo delle precipitazioni nei mesi scorsi. La stragrande maggioranza degli ettari coltivati non è dotata infatti di impianti di irrigazione, per cui il caldo e la mancanza di pioggia hanno causato la caduta prematura delle olive e impedito la crescita dei frutti. In via generale, la diminuzione è stimata, soprattutto nelle zone vicino alle coste,  intorno al 40% rispetto alla media annuale. La qualità è stata salvaguardata e l’olio avrà parametri qualitativi eccellenti anche perché, se da una parte la siccità ha compromesso la produzione, dall’altra ha determinato il mancato attacco dei parassiti più importanti tra cui sicuramente la mosca olearia influenzando positivamente le qualità organolettiche”. Qualità preservata e garantita quindi. Coldiretti ricorda di porre attenzione a cosa compriamo. “La diminuzione di prodotto, e in genere italiano, di certo provocherà l’aumento della presenza sul mercato di prodotti di provenienza estera anche perchè quest’anno mancano anche le scorte di prodotto “vecchio”. In tal senso, le precauzioni da prendere prima di “scegliere un olio” sono almeno tre: 1) guardare con più attenzione le etichette; 2) acquistare extravergini a denominazione di origine Dop, che hanno qualità garantita e standard certificati; 3) acquistare direttamente dai pro.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.