Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La nave che fu di Errol Flynn fa tappa all’Argentario: fu set di film con Rita Hayworth e Orson Welles

Più informazioni su

MONTE ARGENTARIO – Un pezzo di storia della vela è approdato all’Argentario, lo Zaca nave da sogno appartenuta ad Errol Flynn, mitico attore e regista statunitense morto nel 1959. La goletta leggendaria di 36 metri e 124 tonnellate, che ha navigato attraverso quasi ottant’anni di storia passando da una straordinaria avventura all’altra, spesso sosta allo storico molo della Pilarella di Porto Santo Stefano.

Zaca, “pace” in lingua indiana, viene costruito nel 1928 alla vigilia della Grande Depressione per Templeton Crockett, banchiere e industriale delle ferrovie di San Francisco che usava l’imbarcazione per lunghi viaggi nel sud del Pacifico. Nella seconda guerra mondiale viene requisito dalla US Navy e dipinto di grigio come una corazzata viene ribattezzato IX-73 e messo di pattuglia a 500 miglia al largo di Eureka. Nel 1945 viene acquistato dal famoso attore Errol Flynn e diviene set cinematografico per le riprese di “La signora di Shanghai”, con Orson Welles e Rita Hayworth.

In seguito veleggia fino al Mediterraneo con un equipaggio giamaicano, arrivando al Club Nautico di Palma di Maiorca, dove Errol Flynn e la terza moglie Patrice Wymore ci vivono a bordo. Dopo la morte della star americana nel 1959, ZACA rimane nel posto barca delle isole Baleari e successivamente viene portato dal milionario Freddie Tinsley in Francia per essere venduto, lì lo yacht spogliato da tutto ciò che era di valore resta abbandonato nel cantiere di Bernard Voisin a Villefranche, cantiere che ne rivendica la proprietà a fronte del mancato pagamento del rimessaggio/locazione, fino al 1987 quando l’inglese Coussins Phillip l’acquista ma l’affare finisce in tribunale. La barca, ancora in totale abbandono, viene infine comprata nel 1991 dall’italiano uomo d’affari Roberto Memmo, attuale proprietario.

Lo ZACA torna per il secondo anno al Cantiere Navale dell’Argentario, che può contare da oltre 100 anni sulle migliori maestranze che lo hanno reso uno dei più rinomati al mondo, per importanti lavori di manutenzione straordinaria.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.