Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il turno è finito, ma le guardie della Securpol spengono un incendio fotogallery

Più informazioni su

GROSSETO – Nonostante le difficoltà di questi mesi le guardie della Securpol continuano a svolgere il proprio lavoro con dedizione. Lo conferma quanto raccontato dal sindacato Uiltucs che afferma «alle 13 di domenica 10 settembre, una guardia giurata che aveva appena iniziato il proprio servizio presso un importante cliente, mentre effettuava l’ispezione interna del perimetro della struttura, notava una fuoriuscita di fumo da un fabbricato interno dell’azienda committente. La guardia giurata ha avvisato immediatamente la sala operativa della Securpol e gli operai smontanti della ditta, che erano negli spogliatoi per la fine del turno lavorativo, hanno risposto alla chiamata, evitando cosi che si propagasse l’incendio per autocombustione che avrebbe causato seri danni».

Stefano Rosica, coordinatore area Grosseto della Uiltucs Toscana sud, sottolinea il senso del dovere di questi lavoratori chiedendo da parted ai clienti «Fiducia nelle guardie della Securpol. È ormai nota la vicenda Securpol Group».

«Nonostante tutte le difficoltà che in questi mesi i lavoratori stanno subendo, l’attività lavorativa sia diurna che notturna da parte del personale viene garantita e svolta con la solita professionalità ed efficienza – prosegue la Uil -. L’attività di vigilanza, trasporto e custodia valori non ha subito e subisce alcuna disfunzione. Le persone che protestano sono, infatti, in ferie, e nonostante la mancanza di corresponsione dello stipendio le guardie continuano a svolgere con encomiabile impegno la propria attività lavorativa garantendo la sicurezza dei clienti che continuano a riporre in loro la propria fiducia».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.