Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Chiude cooperativa sull’Amiata, 150 lavoratori vanno a casa

Più informazioni su

SANTA FIORA – “Chiude la Cooperativa Guido Boscaglia a Radicondoli e 150 persone vanno a casa nel silenzio totale delle istituzioni locali dell’Amiata grossetana e senese, ed in particolare di Santa Fiora, dove aveva la sede legale provenendo dalla fusione con la cooperativa Sorgenti del Fiora (Santa Fiora) e La Querce (Vivo d’Orcia)”. Lo scrive Mauro Menichetti, segretario Movimento Ripartiamo dalla Gente.

“L’assemblea dei soci svoltasi qualche giorno fa – aggiunge – ha decretato la liquidazione della Cooperativa. Mentre la Lega delle Cooperative “festeggia” gli anniversari, le cooperative forestali non ci sono più e mandano a casa i tanti lavoratori che non hanno niente da festeggiare. Le grosse responsabilità della dirigenza di questi anni, l’inadeguatezza gestionale delle persone indicate dalla Lega e dalla politica a dirigere, fanno chiudere una realtà costruita con i sacrifici e con i soldi dei soci lavoratori che da oggi non hanno più un lavoro.

La superficialità con le quali sono state gestite le soluzioni calate dall’alto, danno un altro duro colpo all’economia di un territorio già martoriato, intanto che i sindaci pensano a tagliare qualche nastro e farsi belli con i soldi dei cittadini”.

“A seguito di una fusione calata dall’alto e sostenuta dalla Lega e dal Partito Democratico anche locale va in liquidazione una cooperativa con un bilancio disastroso dove a pagare, manco a dirlo, sono solo i soci lavoratori e le loro famiglie che perdono il capitale sociale versato, i macchinari, gli immobili e tutto il resto. Responsabilità pesanti anche della Regione Toscana che ha 50 milioni di euro nelle casse (Psr) e ne ha mandati in gara solo 4, facendo scendere il fatturato anche della Cooperativa la Boscaglia dai 9 milioni iniziali annui ai 2 dell’anno scorso. L’indifferenza e l’incapacità politica locale e regionale ha creato un disastro a danno di tante famiglie sperperando anche questo patrimonio sociale e culturale che dava una risposta occupazionale a questo territorio”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.