Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendio alla discarica, Cia: «Basta allarmismi, o ci rimetteranno gli agricoltori»

CIVITELLA PAGANICO – La Cia Confederazione italiana agricoltori, in relazione all’incendio verificatosi ieri nella discarica di Cannicci, nel comune di Civitella Paganico, invita a non lasciarsi andare a facili allarmismi ma chiede “di avere controlli mirati e accurati che garantiscano la sicurezza delle discariche e di tutti i siti che possono determinare rischi ambientali e di altro tipo. Il disastro ha dato il via ad un susseguirsi di notizie non verificate e dannose che rischiano di avere delle incalcolabili ripercussioni sull’agricoltura della zona, creando allarme nella popolazione ancor prima che siano effettuate tutte le verifiche scientifiche su ciò che è realmente accaduto e, soprattutto, sugli effetti inquinanti che possono essere stati prodotti.”

“Come Confederazione  –  spiega Enrico Rabazzi, presidente provinciale Cia – non ci siamo mai tirati indietro di fronte a notizie, confermate, di eventi che avrebbero potuto mettere a repentaglio la salute dei cittadini, gran parte dei quali, nel caso specifico, sono anche agricoltori, ma terrorizzare i residenti anzitempo non lo riteniamo corretto. È giusto avere cautela, ma fare terrorismo è un’altra cosa. Sul posto ci sono tecnici e personale specializzato che dovranno esprimersi con chiarezza, sarebbe dunque opportuno attendere le loro verifiche; verifiche  che saranno frutto di dati scientifici e non basate solo sull’emotività del momento”.

“Ciò su cui bisogna interrogarsi è se siano state attuate tutte le misure di sicurezza necessarie a garantire e tutelare la salute della gente e nel caso l’episodio dovesse risultare di natura dolosa non possiamo che pretendere che la giustizia faccia il proprio corso e che i colpevoli siano perseguiti – prosegue Rabazzi -. Le discariche e tutto ciò che produce rischi non le vuole nessuno e chi vive in quell’area non è certamente felice di convivere con quella realtà, ne farebbe volentieri a meno”.

“Come Confederazione, sottolineiamo che non è nostro intento sottrarci a qualsiasi decisione sarà presa ma penalizzare anzitempo, mettendo al bando i prodotti di quella zona sembra davvero poco opportuno. Ciò che invece sarebbe davvero opportuno,  è mettere in atto tutti gli strumenti necessari per garantire la messa in sicurezza delle discariche, affinché fenomeni come questo, doloso o naturale che sia,  non accadano mai più. Come Cia sin da ora assicuriamo comunque  la nostra totale disponibilità a collaborare con le autorità competenti una volta che sarà fatta chiarezza sulla contaminazione o meno dei terreni circostanti, ma fino ad allora  non siamo disposti ad essere, per l’ennesima volta, vittime di considerazioni e giudizi affrettati e fuorvianti”.

“Chiaramente, se il danno sarà accertato, dovranno essere messi in campo tutti gli strumenti di risarcimento e ristoro che si renderanno necessari, senza accampare scuse da parte dei soggetti sia pubblici che privati che se ne saranno resi responsabili, comprese quelle autorità che dovessero decretare la sospensione delle attività di produzione agricola, che non possono ritenere che con un decreto o un’ordinanza si salvano la faccia, e qualcos’altro, lasciando sul groppone dei produttori il danno economico”. conclude Rabazzi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.