Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alternanza scuola-lavoro, gli studenti del Manetti-Porciatti a lezione di business

Più informazioni su

FOLLONICA – Stefano Batistini, amministratore della Opus Automazione di Follonica, ha incontrato gli studenti delle classi terze del polo tecnologico “Manetti – Porciatti” di Grosseto, nell’ambito del progetto Industriamoci – Alternanza Scuola Lavoro – organizzato da Confindustria Toscana Sud.

Durante l’incontro Batistini ha introdotto, attraverso la propria esperienza personale e professionale, i temi dell’imprenditorialità e del lavoro autonomo, come scelte di sviluppo professionale. Un confronto sul tema del futuro dei giovani dopo la scuola, di come si diventa imprenditore e la strada da seguire per vedere le proprie idee realizzate creando posti di lavoro attraverso forme innovative rispetto alle circostanze che il mondo ci propone.

Gli studenti hanno avuto modo di comprendere che nel mondo del lavoro di oggi e, sempre di più, nel futuro, saranno richieste loro, oltre le abilità tecniche, anche competenze trasversali come lo spirito di iniziativa e la capacità di proporre nuove idee.

“Imprenditorialità e occupazione, – commenta Stefano Batistini, ceo di Opus Automazione – sono temi complessi, che non hanno ricette pronte, se contestualizzati in un territorio che offre pochi spunti per nuove iniziative.
Vista in questi termini diventa difficile trovare i giusti argomenti per interessare i ragazzi a “intraprendere” una qualsiasi attività che garantisca loro un futuro, ma occorre vedere oltre l’ostacolo ed imparare ad avere fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità.

In sintesi, ho cercato di trasmettere un messaggio non basato solo su dati statistici, ma su come ampliare i propri orizzonti di valutazione non fermandosi al contesto del territorio in cui viviamo.

Vorrei invitare i giovani a sviluppare la capacità di fare gruppo, di valutare gli strumenti disponibili, senza avere paura di sbagliare, ma di non adagiarsi sui falsi messaggi che talvolta possono attrarre. Insomma non tutto può essere ricondotto ad una app”.

Confindustria Toscana Sud aderisce al progetto Industriamoci nell’ambito delle iniziative di alternanza scuola-lavoro, al fine di favorire sempre più stretti rapporti di collaborazione fra istituti tecnici e professionali e imprese del territorio, consapevoli dell’importanza che riveste poter disporre di giovani qualificati ed in linea con le esigenze aziendali per sostenere la crescita e l’innovazione del sistema produttivo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.