Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

FreeWat, al Parco il sistema che studia come migliorare l’utilizzo dell’acqua: quarto appuntamento

Più informazioni su

SCARLINO – Si chiama FreeWat il progetto, finanziato dalla Commissione europea, che studia la gestione delle acque in ambito rurale. 14 i casi presi in esame in tutta Europa. Per quanto riguarda l’Italia il caso studio è il bacino idrico di Follonica ed il relativo corpo idrico sotterraneo.

FreeWat, dove free sta per libero e wat per acqua, è un ambiente di simulazione gratuito, open source e integrato in GIS per la pianificazione e gestione delle risorse idriche, gestione che mira a promuovere semplificando l’applicazione della Direttiva quadro sulle acque e delle altre Direttive collegate.

La Regione Toscana ha aderito al progetto e chiesto al Parco delle Colline Metallifere di organizzare gli incontri sul territorio.

Dopo i primi tre incontri, due ospitati a Gavorrano nella sede del Parco delle Colline Metallifere e uno al museo Magma di Follonica, il prossimo incontro, in programma per mercoledì 18 gennaio (dalle 10,00 alle 12,00), si terrà nella sala Auser di Scarlino Scalo (via Matteotti 25).

Anche in questo caso come negli appuntamenti precedenti l’incontro è aperto non solo alle istituzioni e agli enti gestori dell’acqua, ma anche a geologi, ingegneri, architetti e agricoltori.

In particolare in questo terzo incontro sarà presentato lo stato di avanzamento del modello numerico in corso di elaborazione con Freewat con la presentazione dei primi risultati di output del modello numerico in stato stazionario, del bilancio idrogeologico del sistema.

FreeWat: qualche informazione sul progetto – La peculiarità dell’applicazione della piattaforma FreeWat ai casi di studio, risiede nel fatto che, in ciascun caso di studio, vengono formati dei Focus Group composti dai principali attori interessati alla gestione dell’acqua (autorità di bacino, consorzi di bonifica, gestore del servizio idrico, associazioni industriali e agricoltori, associazioni di protezione ambientale, ecc.).

I Partners internazionali del progetto (tra cui la Regione Toscana) sono visibili in questa pagina web: www.freewat.eu/partners.

Infowww.parcocollinemetallifere.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.