Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

No Sat all’attacco: «Tirrenica come il referendum, Rossi, Nencini e Marras ignorano i cittadini»

Più informazioni su

GROSSETO – Ubaldo Giardelli, per il coordinamento territoriale “NoSat”, torna a parlare dell’autostrada Tirrenica.

“Un mese fa i cittadini di Livorno e di Grosseto – scrive Giardelli – hanno detto no alla riforma costituzionale voluta da Renzi e sostenuta da Rossi, Nencini e Marras. Le associazioni ambientaliste e il coordinamento No Sat, hanno aderito compatte al fronte del No denunciando che la de-forma, tramite il cambiamento dell’articolo 117, avrebbe permesso al governo di rendere insignificante il parere delle comunità e degli amministratori locali. Preminenti interessi nazionali, ossia preminenti interessi degli speculatori amici delle lobby dell’asfalto, del cemento e dei rifiuti, avrebbero potuto decidere tutto, lontano da chi tali decisioni avrebbe subito. Come se fossero organismi geneticamente modificati per non ascoltare i cittadini questi governanti sembrano programmati con un unico scopo: mantenere il potere ed appropriarsi dei soldi, dei nostri soldi”.

“La Tirrenica s’ha da fare, annuncia Nencini – scrivono i No Sat – Bisogna riaprire i cantieri a cominciare da quelli nel livornese. Ricircolano i soliti mantra, smontati da anni di analisi di dati, cifre, documenti, studi, ma che lor signori continuano a riproporre: la Tirrenica è indispensabile per lo sviluppo della Maremma, Ce lo chiede l’Europa. La Tirrenica ha una sorella maggiore: la stazione Foster di Firenze. Un progetto tanto folle quanto inutile che le stesse Ferrovie hanno ora bocciato ma che Rossi, Renzi e Nencini continuano a sostenere come necessario, ma se non è utile alle Ferrovie ci spieghino a chi può servire?”.

“Anche l’attuale progetto della Tirrenica – insiste Giardelli – è stato bocciato dal committente come la stazione Foster: Autostrade spa ha chiaramente fatto intendere che per farla non basta togliere tutti i costi per le complanari promesse, ma serve anche un lauto contributo dello Stato o un aumento delle tariffe autostradali di tutt’Italia. Ecco che la 398 per Piombino, ad esempio, promessa più volte quale benefit del pedaggio autostradale sulla (oggi) gratuita variante, sarà, forse, completata dallo Stato (Anas) al contrario di tutte le promesse fatte nei passati anni. Non hanno imparato la lezione del referendum e continuano ad essere carenti di buon senso nel valutare gli interessi pubblici, allora sappiano che siamo pronti a resistere un’altra volta. Ne va della nostra economia, del nostro turismo, della nostra agricoltura, del nostro paesaggio, del nostro diritto ad una mobilità sicura e gratuita e del debito che lasceremo ai nostri figli”.

“A loro per cui tutto questo non ha nessun valore, perché devono accontentare i loro padroni che hanno pianificato il tutto in qualche bottega oscura, noi rispondiamo con delle proposte concrete e fattibili nell’interesse dei cittadini: togliere la concessione alla Sat, ammodernare l’Aurelia a sud di Grosseto come da progetto Anas 2001, proseguire nella manutenzione straordinaria della variante Aurelia a Nord di Grosseto iniziata da Anas, potenziare il trasporto su rotaia e mare. Questo, non altro serve per lo sviluppo e il benessere della Maremma. I cittadini e molte amministrazioni l’hanno ampiamente capito, Rossi, Nencini e Marras no”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.