Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Terrorismo, 9 anni di carcere per la jihadista Fatima. Con il marito avevano abitato anche in Maremma

Più informazioni su

MILANO – E’ stata condannata a 9 anni di reclusione Maria Giulia ‘Fatima’ Sergio, considerata la prima foreign fighter italiana, che si troverebbe in Siria da oltre due anni a combattere con l’Isis. Lo ha deciso la Corte d’Assise di Milano che ha condannato anche il padre della 29enne, Sergio Sergio, a 4 anni, e il marito, l’albanese Aldo Kobuzi, a 10 anni. La Corte ha emesso anche altre 3 condanne fino a 9 anni.  Per Donica Coku, madre di Aldo Kobuzi, otto anni (come da richiesta). E la stessa pena è stata inflitta a Seriola Kobuzi, sorella di Aldo.Per tutti i condannati di nazionalità non italiana è stata disposta l’espulsione dal Paese. Si tratta della prima sentenza in Italia a carico di foreign fighter che si troverebbero ancora nelle zone di guerra.

La donna, per qualche tempo, aveva abitato con il marito in Maremma, a Poggioferro, dove vivevano anche i familiari albanesi di lui.

Sergio Sergio, il padre di Maria Giulia ‘Fatima’, “non vuole più avere niente a che fare con lei” e con l’altra figlia Marianna, anche lei condannata nei mesi scorsi con rito abbreviato. Lo ha spiegato il legale dell’uomo condannato a 4 anni, l’avvocato Erika Galati, ribadendo quindi anche oggi, dopo il verdetto, che il padre ha interrotto i rapporti con le figlie. Sergio Sergio, che è ancora agli arresti domiciliari.

Il legale ha ribadito anche quella che era la linea difensiva espressa in udienza anche dall’imputato nell’interrogatorio: “Non voleva andare in Siria per combattere, lui voleva solo tenere unita la famiglia e le figlie lui le ha sempre subite”. “Tu ci hai sempre ingannato, hai fatto finta di essere un musulmano e ne risponderai davanti a Dio, pentiti davanti a Dio e all’unica religione che è l’Islam, tu che hai tradito anche la mamma”, scriveva Marianna Sergio (è in carcere) in una lettera al padre, depositata dalla difesa dell’uomo nella scorsa udienza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.