Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Infermieri InForma: menopausa, più informata. Ecco cosa c’è da sapere

Più informazioni su

di Angela Durante dottoranda in ricerca infermieristica presso Università degli Studi Tor Vergata, Roma

“…è stato tutto così strano, il caldo, il nervoso, di notte non dormivo e ho iniziato ad ingrassare… e poi nessuno ti spiega niente e non sai a chi chiedere” Lucia, 53 anni (donna attualmente in menopausa)

Chi, per una volta, non si è trovata nei panni di Lucia? Per menopausa si intende quel periodo fisiologico della vita di ogni donna caratterizzato dalla scomparsa del ciclo mestruale. Questo è dovuto al progressivo calo, fino alla completa cessazione, della produzione da parte delle ovaie e degli ovuli di ormoni estrogeni e progesterone. I principali sono l’ormone luteinizzante (LH) e follicolo stimolante (FSH). Questo determina una situazione del tutto normale nella vita di una donna e non è da considerare come una malattia cronica anche se associata a segni e sintomi, che possono protrarsi nel tempo. In questo articolo non si farà riferimento alla menopausa derivata dall’asportazione chirurgica delle ovaie o indotta da chemioterapia/radioterapia.

La produzione di ovuli cessa spontaneamente tra i 45 e i 55 anni. Si parla di menopausa naturale dopo 12 mesi assenza di ciclo non associata a cause patologiche (amenorrea). La menopausa può essere confermata mediante il dosaggio dei livelli nel sangue dei suddetti ormoni. Esiste una fase precedente (pre-menopausa), con un periodo variabile da pochi mesi a quattro-sei anni, caratterizzata da instabilità e graduale riduzione della produzione degli ormoni ovarici. Si definisce menopausa precoce quando l’esaurimento ovarico e la scomparsa definitiva delle mestruazioni avviene prima dei 40 anni, mentre si definisce menopausa anticipata quando compare tra i 40 e i 45 anni.

Nonostante sia un evento del tutto normale, ancora ai nostri giorni la menopausa è considerata culturalmente sinonimo di invecchiamento, perdita della capacità di seduzione e dell’attrattiva sessuale, oltre che di scomparsa, nella percezione pubblica, della persona in quanto donna. Ma perché questa associazione? In fondo non si esce dal mercato del lavoro, né si è dispensate dagli impegni familiari. Anzi, si cercano e trovano nuove prospettive. Eppure il giro di boa delle 50 candeline, genera una frattura temporale nella vita di una donna che determina un prima e un dopo. Bisogna considerare però che come esiste questa fase temporale, ve ne è una pregressa (alcuni decenni prima) che è quella della pubertà che subentra col menarca; questa però si tende a superarla accettandola come il ciclo naturale della vita con l’inizio della fase riproduttiva.

Ma come cambia il corpo in menopausa? I primi segni possono comparire già ben prima della menopausa vera e propria: il ciclo mestruale diventa più breve, possono verificarsi piccole perdite intra-mestruali e i cicli iniziano a distanziarsi temporalmente sino a saltare. Analogamente alla pubertà questo periodo di squilibrio ormonale impatta sia sul piano fisico che emotivo. Studi recenti dimostrano che questo disturbo colpisce circa due terzi delle donne con un’intensità e un’ampiezza variabili. In questo periodo di squilibri ormonali la donna può andare incontro a quelle che vengono chiamate variazioni nella termoregolazione, che sono causa delle (note) vampate di calore e un’improvvisa sudorazione, corredate da palpitazioni e freddo. Esse tendono a disturbare il sonno in quanto si verificano con maggiore frequenza nelle ore notturne. Le donne interessate da questi disturbi tendono a riposare poco e presentare importanti e repentini cambi d’umore, caratterizzati da irritabilità, sconforto e impazienza. Questa “perdita di controllo” del proprio corpo può generare un senso di insicurezza, che si risolve allo stabilizzarsi della sintomatologia con sollievo.

Ma per quanto si protraggono i disturbi? Dal 10 al 20% delle donne accusa disturbi fino a 10 anni dal loro inizio, una percentuale minore li percepisce più anche fino a 20 anni. Va detto che lo stress funge da amplificatore, modulatore e fattore scatenante dei disturbi suddetti. Inoltre le crisi di sudorazione, le vampate di calore, i disturbi del sonno e le palpitazioni possono spesso essere scatenati dal consumo di particolari alimenti quali: caffè, piatti molto speziati, alcol e bevande calde. Mentre è impossibile determinare la durata dei disturbi poiché variano da donna a donna, e più facile identificarne la tipologia. La maggior parte dei sintomi riscontrati nelle donne in menopausa, derivati dalla funzione ormonale alterata, sono: irregolarità del ciclo, mestruazioni molto abbondanti, vampate di calore e sudorazione abbondante (con possibile alterazione dell’odore) seguite da una sensazione di freddo, disturbi del sonno, palpitazioni o frequenza cardiaca elevata (spesso insieme alle vampate di calore e la sudorazione), modificazioni e alterazioni dell’umore, dolori muscolari e articolari, secchezza vaginale, cambiamenti della minzione urinaria, sensazione di riduzione delle prestazioni e calo del desiderio, demotivazione, problemi di concentrazione e memoria.

Non vergognatevi del vostro corpo e di come i contorni perderanno definizione, divenendo più morbidi e armoniosi. Infine, non possiamo arrestare lo scorrere del tempo e l’invecchiamento ne è la diretta conseguenza, ma ora abbiamo qualche nozione in più per capire cosa succede al nostro corpo e non solo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.