Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Miniera a memoria: Ribolla si ferma per ricordare la tragedia del 4 maggio evento

Mercoledì 4 maggio si apre il cartellone ‘La miniera a memoria’ che rende omaggio, fino al 31 maggio, alla tragedi. Mercoledì 4 maggio alle ore 10 l’omaggio delle istituzioni e autorità al Monumento al minatore e alle 43 vittime

Più informazioni su

RIBOLLA – A Ribolla si aprirà mercoledì 4 maggio, con la giornata commemorativa il ricco cartellone ‘La miniera a memoria’, organizzato per rendere omaggio, a 62 anni di distanza, alla tragedia mineraria del 4 maggio 1954 e alle 43 vittime. Fino al 31 maggio si susseguiranno presentazioni di libri, proiezioni di documentari, mostre, laboratori teatrali e momenti di sport e socializzazione, organizzati all’interno del programma di eventi ‘La miniera a memoria’, promosso dal Comune di Roccastrada in collaborazione con Coeso SdS, Parco Tecnologico Archeologico delle Colline Metallifere Grossetane, Provincia di Grosseto, Regione Toscana, Fondazione Bianciardi e numerose associazioni locali.

Il 4 maggio, nel ricordo di 62 anni fa. La giornata di commemorazione prenderà il via mercoledì 4 maggio alle ore 10 al Monumento al minatore, con la deposizione della corona, la benedizione e il saluto delle autorità istituzionali, del segretario generale del Sindacato europeo dei Pensionati, Carla Cantone e del vescovo di Grosseto, Rodolfo Cetoloni. Le celebrazioni continueranno, poi, con il contributo degli alunni della scuola secondaria di primo grado di Ribolla, con “Il senso della memoria e del ricordo”, e la recita di una poesia in ottava rima intonata da un poeta dell’Associazione ‘Sergio Lampis’. Alle ore 11 verrà deposta una corona anche al Pozzo Camorra, luogo della tragedia, e al Monumento ai Minatori, prima della Santa Messa all’aperto e del pranzo sociale organizzato da Cgil e Auser presso gli impianti sportivi. La commemorazione riprenderà alle ore 15.30 all’ex Cinema Porta del Parco con la presentazione del libro “Vasco”, di Andrea Luschi e la donazione di un locomotore elettrico – per linea decauville – datato Ribolla 1951. A chiudere la giornata sarà la proiezione del documentario “I bambini della miniera” di Tommaso Santi alle ore 16.30 all’ex cinema.

Il primo weekend con ‘La miniera a memoria’. ‘La miniera a memoria’ continuerà all’ex cinema Porta del Parco di Ribolla venerdì 6 maggio, alle ore 17, con la presentazione del libro “Anime sospese” di Clelia Pettini, una raccolta di storie legate all’esodo dei nuovi migranti, mentre alle ore 21 sarà la volta dello spettacolo teatrale “La prova generale”, curato dalla Compagnia dell’Anello e con ricavato in favore della scuola di Ribolla. Domenica 8 maggio, il cartellone darà spazio allo sport, con la tradizionale corsa podistica trofeo “La Miniera a Memoria” inserita nel circuito “Corri nella Maremma”. Il percorso è lungo 10 km e la partenza è fissata alle ore 9.30 da Ribolla. Alla stessa ora partirà anche la “1° Walking Dog”, passeggiata amatoriale di 4 km in compagnia dei propri cani, mentre nel pomeriggio saranno protagonisti i più piccoli, con giochi e intrattenimenti insieme alle mamme di Ribolla a partire dalle ore 15.30 in Piazza della Paga.

Eventi fino al 31 maggio. Il ricco cartellone de ‘La miniera a memoria’ andrà avanti fino al 31 maggio con numerosi appuntamenti che riprenderanno martedì 10 maggio e animeranno Ribolla per tutto il mese con diverse iniziative e il coinvolgimento dell’intera comunità, dagli adulti ai bambini, per conoscere e valorizzare la storia e il tessuto sociale e culturale del territorio. Per informazioni sui singoli eventi, è possibile contattare anche il Comune di Roccastrada al numero 0564-561229 oppure la Porta del Parco di Ribolla al numero 0564-578033. Il cartellone completo è disponibile sul sito del Comune, www.comune.roccastrada.gr.it.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.