Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Maremma da primato: ecco il vino che ha vinto l’oro al mondiale di Bruxelles

Più informazioni su

GROSSETO – Il rosso maremmano Sessanta 2011, DOC Maremma Toscana, della Tenuta Casteani di Gavorrano (GR), continua a tenere banco e mietere riconoscimenti anche a livello internazionale. Al prestigioso Concours Mondial de Bruxelles 2015, uno dei pochi premi mondiali in Europa, infatti, al vino Sessanta 2011 è stata attribuita una prestigiosa medaglia d’oro, riconoscimento che si aggiunge ad altri già giunti a questo vino.

“Il rosso premiato è il più evocativo del territorio in cui nasce ed è espressione dell’unicità e della tradizione di Maremma reinterpretate in chiave moderna”, ha spiegato l’ing. Mario Pelosi, titolare della Tenuta Casteani ed enologo, ricordando che “questo emergente nobile vino è prodotto da uve per l’80% di Sangiovese con saldo di Alicante, sviluppa 14,5° di alcool. Presenta un colore rosso intenso, profondo e compatto. Offre all’olfatto sentori di piccoli frutti rossi e di sottobosco. In bocca esprime la sua natura di vino dai sapori di macchia mediterranea, con buona concentrazione ed equilibrio tra trama tannica e acidità”. Un vino da abbinare a paste ripiene e grigliate miste di carne, piatti della tradizione maremmana e di molte altre parti di Italia.

Ma al di là del riconoscimento che il Concours Mondial de Bruxelles 2015 ha inteso dare a Tenuta Casteani, Pelosi ha sottolineato che “questa è un’attestazione rilevante, che dimostra che anche nella Maremma grossetana possono essere prodotti vini di qualità superiore, apprezzati da esperti e consumatori anche a livello internazionale. Una terra che dà vini in grado di riscattare una zona che, ingiustamente, ha sinora subìto l’ombra di blasoni toscani. È uno stimolo, insomma, per i produttori di quest’area a puntare ancora di più alla qualità e a combattere una sfida che premia impegno e dedizione dei produttori grossetani”.

Nell’albo d’onore di Sessanta, oltre a quello appena conseguito in Belgio, ci sono diversi premi, come l’elevato punteggio (89/100) dato dalla Guida Veronelli; la Silver Medal attribuita dal Decanter World Wine Awards 2013 per l’annata 2009; per la stessa annata la Golden Medal della China Wine and Spirits Awards 2013 e, per la vendemmia 2007, i quattro grappoli della Guida AIS Bibenda 2014.

Tenuta Casteani, seppur di giovane costituzione, è molto impegnata nel valorizzare la vitivinicoltura della Maremma, producendo tra l’altro uno Spumante di Vermentino, Spumante di Sangiovese metodo classico, un Syrah in giara, diversi vini senza solfiti, ma anche è protesa sul fronte della sostenibilità ambientale ed energetica: l’azienda produce energia elettrica con un impianto fotovoltaico da 700kW e irriga grazie alla raccolta dell’acqua piovana.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.