Turismo ecosostenibile: Maremma laboratorio di buone pratiche

12 agosto 2013 - aggiornato alle 15:39

di Lorenzo Falconi

ALBERESE – La Maremma come un distretto turistico sostenibile, un laboratorio di buone pratiche dal quale attingere esperienze e conoscenze sulla sostenibilità ambientale e su come valorizzare le produzioni locali, le tradizioni enogastronomiche, i beni culturali, artistici e il patrimonio naturale. Il progetto di Legambiente Turismo, presenta nuovi linguaggi comunicativi, strutture eco-compatibili, eco-eventi e turisti responsabili. «Vediamo il turismo non solo come un settore vocato alla semplice ospitalità – spiega Angelo Gentili, responsabile nazionale di Legambiente Turismo – ma come un’esperienza di condivisione di bellezza e valori, simbiosi tra chi visita e chi ospita. Questi sono i valori che muovono l’azione di Legambiente nella valorizzazione di buone pratiche e strategie di turismo sostenibile che concretizzano un nuovo modo di scoprire e vivere i territori della nostra bella Italia».

Un progetto, quello di Legambiente Turismo, avviato nel 1997 con l’ecolabel “Legambiente Turismo – Consigliato per l’impegno in difesa dell’ambiente”, un marchio di qualità ambientale che contraddistingue le imprese turistiche e ricettive che adottano misure per ridurre l’impatto delle proprie attività sull’ambiente e per promuovere il territorio circostante, ottenuto già da circa trecento strutture diffuse in tutta Italia. «Anche il Parco nel suo piccolo ha obbiettivi di sostenibilità promuovendo la salvaguardia ambientale – osserva Lucia Venturi, presidente del Parco della Maremma -. A questo aggiungiamo la crescita a sostegno del turismo sostenibile con le nuove tecnologie».

Legambiente propone dunque iniziative unite dal comune denominatore della bellezza e del vivere con stile, come lo scoprire alcune tra le più belle mete turistiche, presidi naturali, artistici, culturali ed enogastronomici. «Il progetto di sviluppo è interessante – puntualizza Paolo Borghi, vicesindaco di Grosseto -, approviamo l’idea di città vivibile e utilizzabile dalla mobilità sostenibile». Per aderire a Legambiente Turismo le strutture devono rispettare un disciplinare che prevede una serie di misure obbligatorie e altre facoltative sull’energia, la gestione dei rifiuti e dell’acqua, l’alimentazione, la gastronomia, la mobilità e la promozione del territorio. E’ il caso dell’agriturismo Il Duchesco, dotato di un impianto fotovoltaico per il risparmio energetico. «E’ importante promuovere questo tipo di attività – precisa Fabio Duchini, proprietario della bio-fattoria Il Duchesco -, uniti possiamo fare sicuramente qualcosa in più per il bene del territorio sotto  l’aspetto ambientale e turistico».

Oltre ai disciplinari per le strutture ricettive, Legambiente ha messo a punto anche disciplinari specifici per i ristoranti biologici con la collaborazione di AIAB e per ottenere l’ecolabel per gli Eventi sostenibili, che rispettando una serie di parametri ecologici conferisce il marchio di Legambiente a eventi musicali, sportivi, culturali e sagre paesane che pongono la sostenibilità come principale cardine dell’organizzazione dell’evento, come avviene per la storica Sagra del Tortello di Poggioferro che può essere considerata a pieno titolo un esempio eccellente di eco-evento non solo in Maremma ma anche a livello nazionale. Ogni aspetto della sagra guarda alla riduzione dell’impatto ambientale: dalla gestione dei rifiuti, all’illuminazione, agli spazi e al menù. «La nostra sagra vanta 43 anni di tradizione – precisa Tina Citerni -, al tempo stesso però, siamo promotori dell’innovazione perché dal 2006 abbiamo pensato ad un appuntamento ecosostenibile. Ci siamo riusciti grazie alle idee di Festambiente. Certo, costa fatica e risorse, ma il risultato è nettamente migliore».


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Per avere più informazioni su questi argomenti: - - - - - - - -
ALTRI ARTICOLI - Se hai letto questo articolo ti potrebbero interessare anche questi altri articoli pubblicati su IlGiunco.net:


¬ N.B. : Prima di lasciare un commento ti ricordiamo di inserire nel campo riservato alle email un indirizzo di posta elettronica valido. Con una nuova procedura infatti sarà verificato il tuo indirizzo email e una volta "validato", il tuo commento sarà inserito in coda di moderazione e poi pubblicato. Dovrai soltanto cliccare sul link che sarà inviato all'indirizzo inserito nel campo relativo alle email. Grazie per la tua collaborazione.

¬ Importante: ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname (o nome e cognome) collegato ad un indirizzo email verificato reale ed esistente, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Il Giunco.net manlevato e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Non ci sono ancora commenti.

Siamo spiacenti, ma i commenti non possono essere inseriti.