Ribolla ricorda il sacrificio dei 43 minatori caduti nella tragedia del ’54

Cerimonia al monumento del minatore in paese e poi l'omaggio ai caduti nella tenuta Zonin e la messa solenne officiata dal vescovo Franco Agostinelli a Pozzo Camorra
4 maggio 2012 - aggiornato alle 14:29

RIBOLLA – La memoria come filo conduttore tra il passato, il presente e il futuro di una comunità. Il 4 maggio di Ribolla è anche questo e nel 58esimo anniversario della tragedia mineraria che costò la vita a 43 minatori, caduti nelle gallerie dopo l’esplosione del gas grisou, la comunità di quello che Bianciardi e Cassola definirono allora «un villaggio sperduto», ha voluto commemorare con una semplice e significativa cerimonia le vittime di quel drammatico episodio che cambiò per sempre la sua storia e la sua gente.

Due i momenti della cerimonia istituzionale: la deposizione di una corona d’alloro al monumento dedicato al minatore nel centro del paese con la presenza delle autorità, dei cittadini e dei bambini delle scuole, e la visita al monumento ai caduti nella Tenuta Zonin con la celebrazione della messa solenne, officiata dal vescovo di Grosseto Monsignor Franco Agostinelli di fronte alla statua di Santa Barbara a Pozzo Camorra, luogo della tragedia del ’54.

A rappresentare la comunità di Ribolla il sindaco di Roccastrada Giancarlo Innocenti. «Noi – ha detto Innocenti – abbiamo sulle nostre spalle una pesante eredità: non dobbiamo dimenticare. È per questo che nel 2004 è nata la “Miniera a Memoria”, perché la memoria non è solo commemorazione, ma significa anche continuare a studiare quello che la tragedia ha rappresentato, un evento che segnò un’epoca».

Presente alla cerimonia anche l’assessore provinciale Fernando Pianigiani che ha portato il saluto del presidente Leonardo Marras e ha ricordato come nel ’54 quell’incidente avvenne anche per la mancanza di norme e di attenzione alla sicurezza e alla salute dei lavoratori e come anche oggi a distanza di decenni si debba mantenere alta l’attenzione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.

Anche la Cgil, con la camera territoriale di Grosseto e con quella della provincia di Foggia, hanno partecipato alla commemorazione: in rappresentanza delle due sezioni provinciali i segretari Lorenzo Centenari e Mara De Felici che durante il pomeriggio prenderanno parte al convegno promosso proprio dall’organizzazione sindacale e dedicato alla figura di Giuseppe Di Vittorio.

(per ingrandire le foto cliccare sulle immagini) 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Per avere più informazioni su questi argomenti: - - -
ALTRI ARTICOLI - Se hai letto questo articolo ti potrebbero interessare anche questi altri articoli pubblicati su IlGiunco.net:


¬ N.B. : OGNI COMMENTO SARÁ PRIMA INSERITO IN CODA DI MODERAZIONE. L'UTENTE DOVRÁ CONVALIDARE IL PROPRIO INDIRIZZO EMAIL. Soltanto dopo, nel caso in cui il commento sia ritenuto idoneo, sarà eventualmente pubblicato. Con una nuova procedura infatti sarà verificato l'indirizzo email e una volta "validato", il commento sarà inserito in coda di moderazione. Per validare l'indirizzo si dovrà soltanto cliccare sul link che sarà inviato all'indirizzo inserito nel campo relativo alle email. Grazie per la collaborazione.

¬ Importante: ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname (o nome e cognome) collegato ad un indirizzo email verificato reale ed esistente, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Il Giunco.net manlevato e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Non ci sono ancora commenti.

Siamo spiacenti, ma i commenti non possono essere inseriti.