25 Aprile, festa della Liberazione: l’appello dell’Anpi

22 aprile 2012 - aggiornato alle 10:23

GAVORRANO – «Antifascismo, Resistenza, Costituzione: ritroviamoci uniti attorno alle radici autentiche della nostra democrazia». Con questo appello il circolo Anpi di Gavorrano e Scarlino invita i cittadini di celebrare la festa della Liberazione.

«Ricordiamo – scrivono i rappresentanti dell’Anpi – che l’unità di forze diverse tra loro, con un impegno e una generosità straordinari, condusse il Paese fuori dal baratro della dittatura nazifascista, inaugurando una stagione di grande entusiasmo e rigenerazioni civili, destinata ad una Costituzione tra le più avanzate del mondo. E cerchiamo, anche a livello locale, di ritrovare quell’impulso, quel prendersi per mano, con fermezza e intelligenza, per intraprendere sentieri comuni».

«Il 25 Aprile – aggiungono – , dopo le cerimonie dei comuni di Scarlino e Gavorrano, ci ritroviamo tutti a Potassa al cippo del Partigiano Flavio Agresti, assassinato dai fascisti, per ricordare tutti i partigiani morti e i combattenti ancora in vita. Mentre il pomeriggio alle 17,30 alla Casa del Popolo di Bagno, sono in programma la presentazione di un libro di un deportato, canti della resistenza e rinfresco».


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Per avere più informazioni su questi argomenti: - - - - -
ALTRI ARTICOLI - Se hai letto questo articolo ti potrebbero interessare anche questi altri articoli pubblicati su IlGiunco.net:


¬ N.B. : OGNI COMMENTO SARÁ PRIMA INSERITO IN CODA DI MODERAZIONE. L'UTENTE DOVRÁ CONVALIDARE IL PROPRIO INDIRIZZO EMAIL. Soltanto dopo, nel caso in cui il commento sia ritenuto idoneo, sarà eventualmente pubblicato. Con una nuova procedura infatti sarà verificato l'indirizzo email e una volta "validato", il commento sarà inserito in coda di moderazione. Per validare l'indirizzo si dovrà soltanto cliccare sul link che sarà inviato all'indirizzo inserito nel campo relativo alle email. Grazie per la collaborazione.

¬ Importante: ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname (o nome e cognome) collegato ad un indirizzo email verificato reale ed esistente, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Il Giunco.net manlevato e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Non ci sono ancora commenti.

Siamo spiacenti, ma i commenti non possono essere inseriti.