Burocrazia e piccola impresa, lettera aperta di Mauro Sellari

12 aprile 2012 - aggiornato alle 16:40

GROSSETO - La burocrazia soffoca la piccola impresa. Questo, in sintesi, il pensiero di Mauro Sellari, Presidente produzione della CNA provinciale. Sellari, in una accorata lettera aperta, elenca minuziosamente i costi che, tra tasse, bolli e formazione, deve sobbarcarsi un giovane imprenditore che, ad esempio, voglia aprire, con un socio, una falegnameria. 15 mila euro la stima, al ribasso, dei costi fissi per una attività di questo genere, a cui vanno aggiunte 80 ore di formazione (sicurezza, pronto soccorso e antincendio). “Il recente accordo Stato-Regioni sulla formazione – afferma CNA – dispone un innalzamento delle ore destinate ai corsi per la sicurezza (da 16 a 48) per coloro che si apprestano a diventare, per la prima volta, datori di lavoro nelle attività cosiddette “ad alto rischio”, comprendenti larga parte di quelle manifatturiere. La tutela della sicurezza e della salute rappresenta – continua Sellari – un principio irrinunciabile. E’ la somma degli obblighi e dei costi che ne derivano a generare un vero e proprio mostro burocratico.”

Mauro Sellari si chiede se non sia possibile, senza rinunciare alle tutele, “graduare gli obblighi alle dimensioni dell’impresa, evitando di equiparare una società tra due falegnami a una industria siderurgica. Dal lavoro autonomo potrebbe arrivare più di una risposta, anche in termini occupazionali, ma il crescendo di ostacoli che si frappongono a chi intende iniziare (la fase dello start up è quella più delicata) sta raggiungendo livelli allarmanti. A tutto questo va aggiunta, poi, l’attuale crisi del credito con la maggior parte degli istituti bancari che quasi non erogano più prestiti. O si sburocratizza davvero – conclude Sellari – o si danneggia il Paese. Oltretutto, farlo, non costerebbe un euro”


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Per avere più informazioni su questi argomenti:
ALTRI ARTICOLI - Se hai letto questo articolo ti potrebbero interessare anche questi altri articoli pubblicati su IlGiunco.net:


¬ N.B. : Prima di lasciare un commento ti ricordiamo di inserire nel campo riservato alle email un indirizzo di posta elettronica valido. Con una nuova procedura infatti sarà verificato il tuo indirizzo email e una volta "validato", il tuo commento sarà inserito in coda di moderazione e poi pubblicato. Dovrai soltanto cliccare sul link che sarà inviato all'indirizzo inserito nel campo relativo alle email. Grazie per la tua collaborazione.

¬ Importante: ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname (o nome e cognome) collegato ad un indirizzo email verificato reale ed esistente, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Il Giunco.net manlevato e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Non ci sono ancora commenti.

Siamo spiacenti, ma i commenti non possono essere inseriti.