Bandi, la terza Guerra d’Indipendenza e l’uscita dall’Esercito

Continua il nostro viaggio per ricordare la vita del Garibaldino Gavorranese
4 marzo 2012 - aggiornato alle 09:42

di Piero Simonetti

GAVORRANO – L’isolamento militare nelle dimenticate caserme piemontesi di periferia, non placò certamente i fervori del Bandi. Da qui riallacciò, seppur con una certa difficoltà, i contatti con i vecchi amici mazziniani della Toscana e contribuì alla nascita di un giornale dal nome “La Nuova Europa”.

Agli inizi del 1862 Giuseppe Bandi si trovava a Livorno ove svolgeva l’attività di Ufficiale d’Inchiesta per il Tribunale Militare. Successivamente venne trasferito a Napoli nel 3° reggimento Granatieri. E fu proprio durante la sua permanenza a Napoli che Bandi conobbe una bella ragazza americana, Virginia Solhaune Crawoford, che divenne poi sua moglie e madre saggia dei suoi cinque figli.

Nell’estate del 1862 Giuseppe Bandi era a Firenze, Maggiore del 1° reggimento Granatieri. Da qui si recò a Pisa per far visita a Garibaldi, ricoverato dopo la ferita d’arma da fuoco subìta al piede, durante lo scontro in Aspromonte il 29 agosto di quell’anno.

Nel 1866, al comando del 2° battaglione del 44° Reggimento Fanteria, partecipò alla battaglia di Custoza (24 giugno 1866), ottenendo unanime riconoscimento per la strategia impiegata a Valeggio sul Mincio, nella coraggiosa azione di protezione durante la ritirata dei reparti in difficoltà. Il generale Bixio – che ne ammirò l’azione da sopra un’altura – sottolineò il comportamento del Bandi da vero soldato garibaldino. Il generale Pollio, nel suo libro “Custoza 1866”, edito da Roux e Favale a Torino nel 1903, così scrive a pagina 228: “Il maggiore Bandi raccoglie a forza gli sbandati, si avanza egli stesso a combattere e tiene Valeggio anche dopo che se n’è ritirato, scoraggiato, il generale Sirtori.”

Per questo suo ardito comportamento ebbe premio dal Re che volle attribuirgli la Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro.

Il maggiore Giuseppe Bandi venne trasferito il 20 settembre 1868 al 43° Fanteria a Siena, ove – in data 26 febbraio 1870 – lasciò la carriera militare, dieci anni dopo l’impresa del Mille.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Per avere più informazioni su questi argomenti:


¬ N.B. : OGNI COMMENTO SARÁ PRIMA INSERITO IN CODA DI MODERAZIONE. L'UTENTE DOVRÁ CONVALIDARE IL PROPRIO INDIRIZZO EMAIL. Soltanto dopo, nel caso in cui il commento sia ritenuto idoneo, sarà eventualmente pubblicato. Con una nuova procedura infatti sarà verificato l'indirizzo email e una volta "validato", il commento sarà inserito in coda di moderazione. Per validare l'indirizzo si dovrà soltanto cliccare sul link che sarà inviato all'indirizzo inserito nel campo relativo alle email. Grazie per la collaborazione.

¬ Importante: ogni opinione espressa in questi commenti è unicamente quella del suo autore, identificato tramite nickname (o nome e cognome) collegato ad un indirizzo email verificato reale ed esistente, di cui si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione del materiale inviato. L'utente, inviando un commento, dichiara e garantisce di tenere Il Giunco.net manlevato e indenne da ogni eventuale effetto pregiudizievole e/o azione che dovesse essere promossa da terzi con riferimento al materiale divulgato e/o pubblicato.


Non ci sono ancora commenti.

Siamo spiacenti, ma i commenti non possono essere inseriti.